Piscina di Villaseta, fissato sopralluogo della Commissione sport del Comune

Per il gruppo di consiglieri "Uniti per la città", il quadro emerso dallo studio dei documenti relativi all'affidamento dell'impianto è «disastroso e ha davvero dell’incredibile. All’appello mancano autorizzazioni e certificazioni che non consentono alla società, che si è aggiudicata il servizio, di potere consegnare la struttura alla città e agli agrigentini»

«La piscina comunale di Villaseta è chiusa e rischia seriamente di non aprire i battenti. E il motivo è semplice: la gestione del servizio è stata affidata attraverso un bando privo di fondamenta».

A rilevare le grave situazione è la compagine di aula Sollano di "Uniti per la Città”, composta dal capogruppo Giuseppe Picone, e dai consiglieri Angelo Vaccarello e Pasquale Spataro, dopo avere approfondito carte e documenti nelle apposite commissioni consiliari e avere raccolto informazioni dai dirigenti comunali al ramo.

«Il quadro emerso è disastroso - spiegano i tre consiglieri comunali - ha davvero dell’incredibile. Non è possibile esperire una gara non tenendo conto delle norme in materia di sicurezza e non osservando il vigente regolamento di Palazzo dei Giganti. All’appello mancano autorizzazioni e certificazioni che non consentono alla società, che si è aggiudicata il servizio, di potere consegnare la struttura alla città e agli agrigentini. Tutto questo non è tollerabile. L’amministrazione attiva individui urgentemente le responsabilità all’interno della macchina burocratica e agisca tempestivamente e con determinazione. Perché non possono essere sempre i cittadini a farne le spese. La piscina comunale di Villaseta deve essere quanto prima restituita alla fruizione, sia degli sportivi, per l’attività fisica, delle società e scuole di nuoto, ma anche e soprattutto di quanti utilizzano le vasche per la terapia di riabilitazione. Se il problema è legato alla mancanza di fondi, il sindaco Firetto e la giunta si mettano al lavoro per reperirli in modo da rendere la struttura adeguata e agibile. Se la caccia alle risorse oggi non dovesse essere realizzabile per le ristrettezze economiche, allora si cambi impostazione. Andiamo a modificare il regolamento comunale in alcune sue parti e poi si proceda - sottolineano i consiglieri del gruppo “Uniti per la Città” - ad affidare la gestione della piscina obbligando il privato, che andrà a curare l’attività, ad assumersi l’onere di realizzare le opere necessarie per ottenere le autorizzazioni e le certificazioni previste per legge. Come contropartita, la società riceverà evidentemente uno scomputo, in relazione alle spese sostenute, sull’entità complessiva del canone che sarà chiamata a versare al Comune di Agrigento. Non si può stare più con la mani in mano in questa città, dove l’immobilismo, l’inerzia, la superficialità o l’incapacità di chi ha ruoli di responsabilità, si traducono quasi quotidianamente in diritti negati, disagi e impoverimento», concludono Picone, Vaccarello e Spataro, annunciando che venerdì, alle 12,30, la Commissione allo Sport effettuerà un sopralluogo proprio all’interno della piscina.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al celibato o convivenze di fatto con anziani: ecco come venivano "utilizzate" le prostitute

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • Scoppia la lite fra due teenager: una ferita, l'altra denunciata

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

  • Incidente sulla statale 123, uomo perde controllo dell'auto: estratto dalle lamiere

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento