L'incidente mortale sul lavoro, è il momento dell'addio a Massimo Aliseo

I funerali si terranno, alle 15, alla chiesa Sacro Cuore di Gesù al Quadrivio Spinasanta. Il ventottenne sarebbe deceduto a causa dell’onda d’urto della deflagrazione della bombola d’ossigeno

La salma è stata dissequestrata. Questo pomeriggio, a partire dalle ore 15, nella chiesa del Sacro Cuore di Gesù al Quadrivio Spinasanta, si terranno i funerali di Massimo Aliseo, il ventottenne che ha perso la vita lo scorso 2 gennaio dopo l’esplosione della bombola di ossigeno che stava maneggiato alla “Medical gas criogenici srl”: impresa che si trova nella zona industriale a cavallo fra Agrigento, Aragona e Favara.

Scoppia una bombola di ossigeno in un'impresa, muore un ventottenne 

L’autopsia – eseguita lunedì, all’obitorio dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento, dal medico legale Sergio Cinque dell’università di Palermo - confermerebbe che la morte del giovane impiegato, sposato e padre di due figli piccoli, sarebbe stata causata dall’onda d’urto della deflagrazione della bombola d’ossigeno. Appare scontato, naturalmente, che serviranno delle settimane affinché la relazione ufficiale del medico legale incaricato finisca sul tavolo della Procura della Repubblica di Agrigento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La società 'Medical Gas Criogenici srl": "Fatto inspiegabile"

A coordinare l’inchiesta, che sviene svolta sul campo dai carabinieri della stazione di Aragona, è il sostituto procuratore Chiara Bisso. Tre le persone – due riconducibili all’impresa e un operaio - che sono state iscritte nel registro degli indagati per l’ipotesi di reato di omicidio colposo. Una iscrizione la loro che è avvenuta poche ore prima dell’autopsia. Un atto dovuto, quello della Procura della Repubblica, per garantire la possibilità di partecipare all’irripetibile esame autoptico. Oggi, alla chiesa del Sacro Cuore di Gesù, sarà il momento dell’addio. L’intera città, rimasta sotto choc dopo il drammatico incidente sul lavoro, si stringerà attorno al dolore e alla disperazione della famiglia. Non è escluso – anzi sembrerebbe essere altamente probabile – che ai funerali prenderanno parte anche i tifosi dell’Olimpica Akragas. E questo perché Massimo Aliseo era un tifoso dei biancazzurri, tra gli iscritti del gruppo "Sita Clan" ed era, appunto, sempre al fianco dell'Akragas. Ma ci saranno, naturalmente, anche tutti i colleghi del giovane.

L'incidente sul lavoro all'Asi, due indagati per omicidio colposo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento