Turismo tra Valle, natura e zona rivierasca: tracciata la strada per il rilancio

Verranno subito presentati progetti per attivare fondi comunitari puntando a promuovere i prodotti tipici del territorio, a sviluppare la ricerca scientifica per la valorizzazione

Valle dei Templi e parco dei Monti Sicani, assessorati del Territorio, dei Beni Culturali e Ambiente e del Turismo della Regione Siciliana insieme per valorizzare i percorsi di visita dell'Agrigentino.

Un accordo è stato siglato ieri mattina a Palermo, alla presenza degli assessori regional Totò Cordaro, Sandro Pappalardo e Sebastiano Tusa, del commissario straordinario del Parco dei Monti Sicani Luca Gazzara, e del presidente del Consiglio del Parco Archeologico di Agrigento Bernardo Campo. Il protocollo attiva un processo di concreta collaborazione tra enti e istituzioni per la valorizzazione di una parte del territorio siciliano che vede come destinazione turistica di rilievo quella di “Agrigento - Valle dei Templi - Sciacca” ed apre la strada a nuove ipotesi di progettazione per l’utilizzazione dei fondi comunitari.

E’ la prima volta che i tre assessorati avviano una collaborazione concreta che supera le logiche individualiste per raggiungere un obiettivo comune. L’accordo sottoscritto coniuga il binomio capitale naturale-capitale culturale e punta alla valorizzazione ed alla fruizione del patrimonio pubblico, alla incentivazione delle attività economico-commerciali presenti all’interno dell’area, alla promozione delle attività imprenditoriali, soprattutto giovanili ed alla sensibilizzazione all’ambiente attraverso l’educazione permanente anche attraverso la previsione di forme di sostegno sotto forma di interventi destinati alla popolazione residente e di prossimità.

Le attività che immediatamente saranno poste in essere riguardano la presentazione di progetti per attivare fondi comunitari nel periodo 2014-2020 puntando a mettere in rete – attraverso i rispettivi portali internet - le informazioni dei due organismi regionali, a diversificare l’offerta turistica, a  promuovere i prodotti tipici del territorio, a sviluppare la ricerca scientifica finalizzata alla valorizzazione degli aspetti di natura archeologica, paesaggistica, culturale, enogastronomica e naturale, a ottimizzare le esperienze dei sistemi di gestione, produrre materiale unico ai fini della promozione turistica, soprattutto sui mercati esteri puntando ad ambiti di nicchia. In una parola a rilanciare il territorio come esperienza da vivere. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Togliete quella targa", la petizione contro la scritta "Girgenti" raccoglie 457 firme

  • Cronaca

    Cappotta con l'auto per evitare un animale selvatico, ferito un uomo

  • Cronaca

    Truffe e furti nell'Agrigentino, nei guai nove persone: applicati i fogli di via

  • Cronaca

    "Pericolosi per la sicurezza pubblica", dalla Questura arrivano gli avvisi orali

I più letti della settimana

  • Crollo del ponte Morandi, tra le vittime c'è anche un agrigentino

  • L'auto finisce fuori strada, muore un bambino di 7 anni

  • Paura in spiaggia, si sbriciola il costone di Zingarello: si scava tra le pietre

  • Si è spento il vicesindaco di Raffadali, addio al ginecologo Franco La Porta

  • Scomparsa 27enne favarese, ore d'angoscia per i familiari

  • L'incidente mortale sulla statale 189, Casteltermini è sotto choc

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento