Un ratto morto in via Atenea, colpa dei rifiuti del Comune?

Si trovava davanti gli ex locali dei reduci di guerra, dove oggi gli uffici conservano mastelli e scarrabili contenenti la loro spazzatura

Spunta un topo morto in via Atenea e rinfocolano le vecchie polemiche. Il "ritrovamento" è stato fatto questa mattina: un piccolo ratto giaceva, ormai privo di vita, dinnanzi ai locali comunali che furono sede dei reduci di guerra, almeno fino a quando il Comune non decise di riprendersi la struttura per, al momento, non farci praticamente nulla se non anticipare che, prima o poi, sarà utilizzata come nuova sede dell'ufficio anagrafe.

Dentro quei locali, e qui veniamo alle polemiche più recenti, da ormai alcuni mesi vengono accumulati rifiuti prodotti dagli uffici, i quali hanno collocato qui gli scarrabili necessari allo scopo, senza tra l'altro - almeno fino a non molto tempo fa - premurarsi di tenere chiusa la porta di accesso ai locali.

Quadrivio Spinasanta, topi scorrazzano tra i rifiuti

Così quando stamattina dinnanzi agli spazi è apparso un topo morto in molti hanno urlato allo "scandalo", non potendo non collegare le due vicende: il ratto sarebbe lì perché attratto dai rifiuti o semplicemente perché aveva trovato rifugio in magazzini vuoti e inutilizzati. Il topo, morto non si sa perché (derattizzazione? un colpo di scopa? ) sarà rimosso a breve, ma in molti adesso chiedono che quegli spazi siano quantomeno tenuti puliti o chiusi in modo tale da non rendere possibile l'ingresso di animali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • Scoppia la lite fra due teenager: una ferita, l'altra denunciata

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento