"Lasciarono testa di capretto davanti alla porta di un professionista", condannati

Vittima del gesto fu l'ingegnere Buscarnera, defunto 2 anni fa

La Cassazione

"Lasciarono davanti casa di un ingegnere un sacchetto contenente una testa di capretto tagliata", condannati in due. La notizia è riportata sull'edizione odierna del Giornale di Sicilia.

La Cassazione, infatti, ha confermato le condanne per minacce a carico di Baldassare Giaimo, di 57 anni, e Giuseppe Gallina, di 67, entrambi di Sciacca. Sono accusati di aver, nel marzo del 2011, lasciato una testa mozzata di capretto dentro un sacchetto davanti alla porta di un professionista, l'ingegnere Michele Buscarnera, morto due anni fa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento