Terme, intervento di Raso (Cgil): "Basta, telenovela interminabile"

Per il sindacato la "battaglia" non può essere solo dei lavoratori, o di qualche volenteroso... ma di una città che ambiva ad unire la parola Terme al proprio toponimo. La Cgil, come sempre, quella di Sciacca, quella di Agrigento, categoriale e confederale, è sempre pronta a dare il suo contributo di idee e di lotta

Sulla vicenda interviene Massimo Raso, segretario generale del sindacato agrigentino, con una nota che riportiamo di seguito.

"L’unico plauso che ci sentiamo di fare è alle lavoratrici ed ai lavoratori e a noi stessi, le loro Organizzazioni sindacali, che hanno avuto la capacità di strappare l’ennesimo “cerotto” e non certo a chi, essendosi assunto l’onore e l’onere di amministrare la Sicilia, ha il dovere di offrire le soluzioni.

Detto questo, riteniamo che sulla vicenda termale occorre scrivere parole definitive e non inseguire il “giorno per giorno” di questa interminabile telenovela che seguo da tanti anni e nelle varie gestioni, sia prima della Legge del 1999 che dopo.

Apprezziamo lo spirito di alcune iniziative, dei tanti che con onestà e animati da amore per la città, periodicamente, vogliono “salvare le terme!” o di quelli che si lanciano in iniziative ardite e a tratti velleitarie come la campagna per l’azionariato popolare, tuttavia a tutti loro e alle forze politiche e istituzionali di Sciacca crediamo debba essere chiarita (una volte per tutte) una cosa:

cosa debbono essere le Terme per questa nostra città e come e da chi debbono essere gestite? Non possiamo girarci attorno. La gestione delle Terme dev’essere privatizzata, così come ha sancito una Legge del 1999? Oppure abbiamo cambiato idea e pensiamo che vi siano margini per una gestione pubblica di queste risorse?

Abbiamo detto altre volte che se vogliamo trovare (senza inventare nulla!) “modelli” di privatizzazione cui ispirarci, basterebbe “studiare” cosa è avvenuto nel resto del Paese. In Italia ben 13 Teme ex EAGAT (Ente Autonomo Gestione Aziende Terme) sono state privatizzate.

Basterebbe studiare il sistema della Toscana o dell’Emilia Romagna. Mentre in Sicilia, malgrado la Legge del 1999 precedesse quella Nazionale (la 323 del 2000), in Toscana già nel 2001 la Regione definiva un suo “piano strategico” e varava un piano di investimenti di 25 milioni di Euro che però ne attiva 120 grazie ali investimenti privati. Qui dal 1999 parliamo ancora di “bando”! Non riusciamo a trovare un partner privato che decida di investire qui?

Ma lo abbiamo cercato bene? Lo abbiamo cercato anche in questi nuovi mercati del cosidetto B.R.I.C. (Brasile, Russia, india e Cina)? E – se allarghiamo la questione – noi siamo quelli che hanno ancora i terreni ex Sitas; siamo quelli che hanno da gestire il Teatro Samonà; siamo quelli che hanno un Albergo (come Torre Macauda) che non riesce a trovare un compratore...

Qualcuno ha chiesto a Sir Rocco Forte, al Cavaliere Mangia, alla Confindustria o alle Centrali Cooperative Nazionali se loro o i loro associati hanno o posso avere un interesse a fare un ragionamento di sistema attorno al “prodotto Agrigento”, “Sciacca” o “Terzo polo turistico siciliano”?

No, io non riesco ad essere contento del “fondo” di 800.000 euro se non utilizziamo le prossime settimane per rispondere anche a tutti questi interrogativi! E la “battaglia” non può essere solo di questi lavoratori, del Sindacato, o di qualche volenteroso... dev’essere la battaglia di una città che ambiva ad unire la parola Terme al proprio toponimo e che, una volta, aveva una classe politica che determinava scelte! La Cgil, come sempre, quella di Sciacca, quella di Agrigento, categoriale e confederale, è sempre pronta a dare il suo contributo di idee e di lotta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento