Temono il licenziamento, impiegati dell'Hydrotecne: "Subito tavolo in Prefettura"

Non si parla, non esplicitamente e non ancora, di sciopero, né di concrete azioni di lotta. Ma le parole utilizzate dai 150 lavoratori e dai sindacati lasciano presagire “venti di guerra”

(foto ARCHIVIO)

La domanda è sempre la stessa: “Come ci andrà a finire?”. L’incertezza lavorativa non fa più dormire sonni tranquilli ai circa 150 lavoratori della Hydrotecne: la società controllata da Girgenti Acque. Da quando Girgenti Acque è stata raggiunta dall’interdittiva antimafia della Prefettura prima e da quando è stata poi  commissariata, i lavoratori della Hydrotecne vivono nell’ansia e nella preoccupazione.

Natale con il fiato sospeso per 150 lavoratori di Hydrotecne, si teme maxi licenziamento 

Ieri, alla presenza delle sigle sindacali: Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil, s’è tenuta una nuova assemblea dei lavoratori. Ed al termine dell’incontro, i sindacalisti hanno nuovamente chiesto al prefetto Dario Caputo “l’istituzione di un tavolo prefettizio, alla presenza dei commissari straordinari di Girgenti Acque e dell’Ati Ag9. Un tavolo per ottenere – scrivono i sindacati – concrete risposte e scongiurare le inevitabili azioni che potrebbero creare disservizi nel servizio idrico integrato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giorni decisivi per Girgenti Acque: Giancarlo Rosato verso la presidenza 

Non si parla, non esplicitamente e non ancora, di sciopero, né di concrete azioni di lotta. Ma le parole utilizzate lasciano presagire, appunto, “venti di guerra”. I circa 150 lavoratori, di fatto, hanno paura d’essere licenziati da un momento all’altro. Già prima di Natale, i lavoratori avevano incontrato i segretari provinciali delle sigle sindacali dei metalmeccanici di Cgil, Cisl e Uil. I sindacalisti - che hanno già sollevato la questione dei lavoratori della Hydrotecne durante un incontro con il commissario straordinario della Girgenti Acque Gervasio Venuti – cercarono, allora, di rassicurare tutti i dipendenti della società controllata spiegando che, qualora si dovesse arrivare a dei nuovi licenziamenti, non potrebbero che essere dei licenziamenti collettivi. Non dunque soltanto dei licenziamenti dei lavoratori della Hydrotecne, ma anche della Girgenti Acque. I sindacalisti dei metalmeccanici hanno cercato di spiegare che un ipotetico, eventuale, riordino del personale non potrà che passare da entrambe le società. Ma l’incertezza, appunto, regna sovrana. 

Orario di lavoro, retribuzioni e ferie: faccia a faccia fra sindacati e Girgenti Acque 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Movida a rischio, altra rissa tra giovanissimi a San Leone: volano pugni

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento