Sciacca, addetti a mensa e cucina dell'ospedale in stato di agitazione

I lavoratori dipendenti della ditta "La Cucina", impiegati nei servizi di ristorazione dell’Ospedale civile di Sciacca, continuano a protestare per ottenere il regolare pagamento dello stipendio: ad oggi non hanno ancora ricevuto le retribuzioni di luglio, la quattordicesima del 2015, e gli stipendi di agosto e settembre

I lavoratori dipendenti della ditta "La Cucina", impiegati nei servizi di ristorazione dell’Ospedale civile di Sciacca, continuano a protestare  per ottenere il regolare pagamento dello stipendio: ad oggi non hanno ancora ricevuto le retribuzioni  di luglio, la quattordicesima del 2015, e gli stipendi di agosto e settembre.

«Insieme ai lavoratori lo scorso anno abbiamo chiesto l’intervento dell’ispettorato del lavoro di Agrigento, fatto diverse comunicazioni alle autorità competenti, ma il problema continua a persistere. Sembra  proprio di trovarsi davanti ad un muro di gomma che nessuno riesce a valicare - ha detto Franco Castronovo, segretario generale di Filcams Cgil -. I lavoratori non avendo ricevuto adeguate risposte atte alla risoluzione del gravoso problema, dal canto loro si sentono sempre più demoralizzati, hanno addirittura paura, a rivendicare il più elementare diritto sancito dalla legge e dalla costituzione (cioè il regolare pagamento dello stipendio).

Molti hanno un contratto part – time di poche ore giornaliere e percepiscono, (quando c’è l’eclissi di luna ) uno stipendio di circa 400 euro mensili. Va ricordato che da circa un anno i lavoratori, a seguito di cessione di azienda, dalla ditta "Magapè Srl", devono ancora ricevere il pagamento del  Tfr e delle spettanze di fine rapporto. 

Come dire, cambiano le ditte ma la musica è sempre la stessa. O meglio, i disagi sono sempre gli stessi e di male si va in peggio, le bollette continuano ad aumentare ed i lavoratori continuano ad essere sempre più morosi per il pagamento di servizi essenziali quali acqua, energia elettrica e gas.

Pertanto, - conclude il sindacalista - alla luce di quanto sopra esposto, questo sindacato insieme ai lavoratori, proclamano lo stato di agitazione della categoria e chiedono al prefetto di Agrigento un autorevole intervento atto a fare chiarezza e porre fine ad una condizione  che di giorno in giorno diventa  sempre più insostenibile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

  • Non ha soldi nemmeno per i vestiti e la biancheria, reclusa chiede aiuto ai "Volontari di Strada"

  • Un empedoclino a "Uomini e Donne", Giovanni alla "corte" di Gemma

  • Sorveglianza speciale e maxi sequestro del "tesoro" del "re" dei supermercati: ecco tutti i dettagli

  • L'incidente mortale di Ravanusa, veglie di preghiera per Federica

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento