Incidente all'interno della galleria della statale 115: muore 58enne alla guida di un trattore

La vittima si chiama Giuseppe Terrasi. Il mezzo agricolo si è scontrato con un autoarticolato. Sul posto, stanno lavorando i vigili del fuoco e gli agenti della polizia Stradale

L'incidente verificatosi lungo la galleria Magone

Un agricoltore cinquantottenne di Ribera, Giuseppe Terrasi, alla guida di un trattore gommato, è morto a causa di un incidente stradale che si è verificato lungo la statale 115, all'altezza del chilometro 138+800, all'interno della galleria Magone in territorio di Ribera. A scontrarsi, per cause che sono ancora in corso d'accertamento e di ricostruzione da parte della polizia Stradale del distaccamento di Sciacca, sono stati il trattore agricolo e un autoarticolato Ad avere la peggio, purtroppo, è stato il cinquantottenne - sposato e padre di figli - che era alla guida del trattore. 

Sia l'autoarticolato che il trattore viaggiavano in direzione Sciacca. Sul posto, sono al lavoro i vigili del fuoco del distaccamento di Sciacca e la polizia Stradale. 

IL VIDEO. Tragico schianto all'interno della galleria Magone: le immagini

Il traffico - lungo la statale 115 "Sud Occidentale Sicula" - è stato provvisoriamente deviato, istituendo il senso unico alternato in prossimità della galleria Magone, tra Agrigento e Ribera.

Sul posto è presente il personale di Anas per il ripristino della normale circolazione nel più breve tempo possibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento