Stabilizzazione dei lavoratori Asu, insorgono i sindacati: "Vogliamo risposte"

Sono oltre 300 le unità ASU interessate che contribuiscono ad assicurare le aperture e la gestione della grande affluenza di pubblico dei siti e delle strutture dei Beni Culturali. In città sono in tutto 23

Dopo  limpugnativa da parte del Governo dell’articolo 11 della legge regionale, che prevede il transito del lavoratori Asu nella società Resais, le Funzioni Pubbliche di Cgil, Cisl e Uil si mobilitano.

E tornano a lanciare un appello alle istituzioni regionali. Questa volta, visto che il primo tentativo di richiesta di incontro urgente indirizzato all’assessore del Lavoro Scavone è andato a vuoto, le  oganizzazioni di categoria,  al fine di affrontare la delicata questione, si sono rivolte  al presidente della Commissione Cultura, Formazione e Lavoro, Luca Sammartino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Oltre al problema generale della stabilizzazione del personale Asu – fanno sapere Agliozzo e Buscemi per la Cgil, Montera ed Emanuele per la Cisl e Borelli per la Uil - incombe l’individuazione di una soluzione in ordine all’utilizzazione diretta dei lavoratori ASU presso i siti e gli uffici dell’Assessorato Beni Culturali e dell’Identità Siciliana La norma impugnata era stata impiantata proprio per provare a “sanare” la posizione occupazionale e giuridica di questi ultimi lavoratori. Sarebbe dunque da scongiurare qualsiasi ipotesi di rientro dei lavoratori nelle strutture di origine con il conseguente  ripristino in utilizzo tramite protocolli d’intesa. Sono oltre 300 le unità ASU interessate che contribuiscono ad assicurare le aperture e la gestione della grande affluenza di pubblico dei siti e delle strutture dei Beni Culturali. Questo il quadro nel dettaglio: ad Agrigento sono in tutto 23. In assenza di riscontro e di risposte positive da parte della politica – concludono Agliozzo, Buscemi, Montera, Emanuele e Borrelli – avvieremo incisive forme di protesta a tutela e salvaguardia delle legittime rivendicazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento