"Spaccio e tentata estorsione", il Riesame: l'indagato resta in carcere

Annullato invece l'obbligo di dimora a Ribera che era stato disposto dal gip del tribunale di Sciacca, Alberto Davico, nei confronti di altre due persone di 51 e 41 anni

Il tribunale del Riesame ha rigettato la richiesta di revoca della misura cautelare: Gaetano Clemente, di 52 anni, di Ribera, resta in carcere. L'uomo è indagato per tentata estorsione e detenzione al fine di spaccio di droga. L'istanza di revoca della misura cautelare era stata avanzata - secondo quanto riporta oggi il Giornale di Sicilia - dai suoi difensori, gli avvocati Giovanni Di Caro e Calogero Vella. Il Riesame, invece, ha annullato l'obbligo di dimora a Ribera che era stato disposto dal gip del tribunale di Sciacca, Alberto Davico, nei confronti di altri due imputati in questa vicenda, pure loro riberesi, di 51 e 41 anni, accogliendo l'istanza presentata dagli avvocati Giuseppe Tramuta e Salvatore Tortorici.

La difesa di Clemente valuta adesso il ricorso in Cassazione. L'operazione è frutto di un anno di indagini da parte dei carabinieri che hanno operato intercettazioni, telefoniche ed ambientali. Le indagini, anche attraverso numerosi appostamenti e pedinamenti effettuati da carabinieri in borghese della tenenza di Ribera, avrebbero consentito di accertare un'attività di spaccio di stupefacenti. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, derubato un corriere: portati via pacchi e soldi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento