"Spaccio di cocaina e hashish", chiesta la conferma delle sei condanne

E' in corso in processo d'appello sull’inchiesta antidroga che aveva come epicentro Ribera dove la sostanza stupefacente sarebbe arrivata da Napoli

(foto ARCHIVIO)

Il sostituto procuratore generale Rita Fulantelli ha chiesto - secondo quanto riporta oggi il Giornale di Sicilia - la conferma delle sei condanne inflitte in primo grado dal tribunale di Sciacca nel processo "Big Family", scaturito da un’inchiesta antidroga con epicentro Ribera dove la sostanza stupefacente sarebbe arrivata da Napoli. Ultime arringhe difensive e sentenza, in Corte di Appello, a Palermo, il 21 marzo.

Sei condanne e 7 assoluzioni, pene per 46 anni di carcere, in primo grado, notevolmente inferiori rispetto alle richieste del pubblico ministero, Amelia Luise, che aveva sollecitato ben 143 anni a carico dei 13 imputati, sono state inflitte dal tribunale di Sciacca. È saltata, per i 10 imputati ai quali veniva contestata, l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al trasporto, alla detenzione e allo spaccio di droga che aveva portato la competenza sull’indagine alla Dda di Palermo.

A Carlo Giardiello, di 31 anni, per il quale la richiesta era stata di 20 anni e 6 mesi di reclusione, è stata comminata una pena di 13 anni e 2 mesi, e per la madre Ciretta Veible, di 56 anni, per la quale il Pm sollecitava 13 anni, la condanna è stata a 7 anni e 6 mesi. Sette anni per Maria Sedita, di 42 anni, per la quale il Pm aveva chiesto 12 anni di reclusione, e 6 anni e 4 mesi per Giuseppe Failla, di 54 anni. Anche per lui erano stati chiesti 12 anni. Gli altri due condannati, ma sempre per singoli episodi di spaccio, ed a loro l’associazione non era mai stata contestata, sono Giuseppe Triassi, di 30 anni, e Debora Arcadipane, di 28. Per loro 6 anni di reclusione. Tutti gli altri imputati, anche loro di Ribera, sono stati assolti e per loro la sentenza non è stata impugnata.

L’indagine, svolta dal commissariato di polizia di Sciacca, secondo l’accusa avrebbe focalizzato singoli ruoli e modalità di approvvigionamento e spaccio della droga, cocaina, eroina, hashish e marjuana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento