Sorveglianza speciale per Lo Giudice, ma la famiglia riavrà 1,2 milioni di euro

E' ritenuto un "uomo d'onore" della famiglia mafiosa di Canicattì: fu arrestato nell'operazione "Apocalisse"

E' stata applicata la misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza per tre anni e sei mesi, con l'obbligo di soggiorno nel comune di residenza per Diego Gioacchino Lo Giudice, 73 anni, imprenditore e accusato di essere un "uomo d'onore" della mafia canicattinese.

La notizia è riportata oggi sul quotidiano La Sicilia. Il tribunale avrebbe inoltre deciso la confisca della società di Lo Giudice, la "Ecolmax" ma revocato, in accoglimento delle tesi del difensore, l’avvocato Angela Porcello, il sequestro degli altri beni, che sono stati riconsegnati alla famiglia per un valore di oltre 1,2 milioni di euro. Il patrimonio sarebbe stato infatti accumulato grazie a numerose vincite al gioco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • Non si ferma all'Alt e fugge lungo la 115, bloccato 17enne: multe per 10 mila euro

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento