"Simularono una rapina a mano armata", denunciati due fratelli

Avrebbero raccontato ai carabinieri d'aver subito il colpo - da 29 mila euro - all'altezza dello svincolo di Scillato, mentre erano di ritorno dopo una giornata di lavoro da Castelbuono

(foto ARCHIVIO)

Simularono una rapina a mano armata. Sono stati però scoperti e sono stati denunciati alla Procura di Termini Imerese. Si tratta di due fratelli, di 57 e 47 anni, di Favara, titolari di una società che offre servizi di noleggio di apprecchi elettronici da gioco.

I due avrebbero raccontato ai carabinieri d'aver subito il colpo - da 29 mila euro - all'altezza dello svincolo di Scillato, mentre erano di ritorno dopo una giornata di lavoro da Castelbuono. La vicenda risale alla serata del 14 dicembre. I due non avrebbero tenuto in conto il fatto che i carabinieri della stazione di Castelbuono, che conoscono bene il territorio, hanno individuato qualche falla nel racconto sottoscritto dagli imprenditori al momento della denuncia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • Mamma di due bambini prova a lanciarsi dal viadotto, salvata in extremis dalla polizia

  • Crolla cornicione di un palazzo: terrore in piazza Cavour, evacuate famiglie e sequestrata l'area

  • Alfa Romeo si schianta contro la rotonda degli Scrittori: un 30enne è in gravi condizioni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento