Sicurezza nella Valle dei Templi, presentate otto domande: ammessa solo una associazione

La commissione ha ammesso, unica in graduatoria, l'Unione nazionale Arma dei carabinieri. Lo scopo è quello di coadiuvare il servizio di vigilanza

Il tempio della Concordia

Sono state sette le associazioni che hanno presentato domanda per coadiuvare il servizio di vigilanza nella Valle dei Templi. Ma soltanto una, dopo l’esame della documentazione presentata, è stata ammessa in graduatoria: si tratta del sindacato dei carabinieri Unac (Unione nazionale Arma dei carabinieri).

Il Parco cerca associazioni per la vigilanza

La commissione si è riunita ieri nella sede del Parco, per esaminare la documentazione presentata dalle otto associazioni che hanno risposto all’avviso pubblicato i primi di febbraio. Oltre all’Unac, le organizzazioni di protezione civile e volontariato che si sono proposte sono state: l’Associazione Europea Operatori di polizia; la Gise Agrigento, la Sdav, Security Department Associazione di Volontariato; l’associazione nazionale Finanzieri d’Italia; l’associazione “I Falchi” onlus; la Sicily Emergency Foundation e l’associazione Aics.

Adesso, il responsabile unico del procedimento, dopo aver provveduto alla verifica del rinnovo dell’iscrizione dell’Unac al registro regionale delle associazioni di volontariato, procederà alla conclusione della gara.

Il servizio di collaborazione – si legge nell’avviso – si articolerà su prestazioni giornaliere secondo un calendario stilato dal Parco, che fornirà ai volontari uniformi e tesserini, oltre ad un’adeguata formazione. L’incarico ha durata triennale, dal 2018 al 2020, e prevede un rimborso spese giornaliero di 20 euro a persona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'attività dei volontari di collaborazione, osservazione e segnalazione - fanno sapere dal Parco - in nessun caso potrà costituire condizioni o presupposto per essere sostitutiva di mansioni proprie del personale del Parco, né potrà mai assumere le caratteristiche del lavoro subordinato alle dipendenze del Parco". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • "Feroce" rissa davanti ad un ufficio postale, la Mobile evita il peggio: tre denunciati

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Grigliata notturna fra amici e assembramenti: 10 sanzioni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento