Sicurezza e lotta alla criminalità, i vertici della Cna incontrano il prefetto

Il presidente Mimmo Randisi e il segretario Piero Giglione: "Diomede ha accolto favorevolmente la nostra propositiva azione di collaborazione rispetto ad un tema molto sentito e avvertito"

Un momento dell'incontro in Prefettura

Sicurezza del territorio e lotta alla microcriminalità. Questi gli argomenti discussi ieri in un incontro tra vertici provinciali della Confederazione nazionale artigiani e il prefetto di Agrigento, Nicola Diomede, nel Palazzo del Governo. Presenti all'incontro il presidente Mimmo Randisi e il segretario Piero Giglione.

“Abbiamo riscontrato sensibilità e disponibilità, – aggiungono i due esponenti della Cna -  il prefetto, al quale va un sincero ringraziamento, ha accolto favorevolmente la nostra propositiva azione di collaborazione rispetto ad un tema molto sentito e avvertito come quello del controllo e del presidio a salvaguardia di chi lavora e produce. La Cna – concludono Randisi e Giglione – ha assicurato il proprio costruttivo apporto, condiviso dal Signor Prefetto, mettendo a disposizione  sedi ed uffici per contribuire  alla realizzazione di un tavolo di lavoro che possa essere di supporto al piano sicurezza adeguato alle nuove sfide”.

"La Cna - si legge nel documento consegnato al prefetto di Agrigento - ha ravvisato la necessità di adoperarsi sul terreno istituzionale per rispondere ad una precisa esigenza legata alla sicurezza, nella piena consapevolezza che lo sviluppo e l’occupazione  passano anche attraverso il presidio e il controllo del territorio, dove le aziende lavorano e producono. Nell’ultimo periodo il ripetersi di episodi di microcriminalità, più o meno gravi e comunque tutti certamente da attenzionare, sta suscitando una seria preoccupazione tra gli operatori. L’escalation di furti, rapine e danneggiamenti, nei confronti del tessuto produttivo, rappresentano un evidente campanello d’allarme che  sollecita una responsabile presa di posizione di chi, come la Cna, ogni giorno si spende, con determinazione, passione e competenza, per l’affermazione della legalità a sostegno delle imprese, degli artigiani, dei commercianti e di  quanti si muovono nell’ambito del turismo".

"Fermo restando  il riconosciuto ed apprezzato sforzo di tanti uomini e donne in divisa, profuso quotidianamente a difesa dell’intera comunità agrigentina, - si legge ancora nel documento - questa Confederazione rileva la necessità, ove possibile, di rendere ancora più incisiva la lotta contro i gruppi delinquenziali che, senza tanti scrupoli,  entrano in azione, mettendo a rischio la vita delle persone e delle stesse aziende, già fortemente provate dalla crisi economica che continua a mordere". 

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Come organizzare le pulizie al rientro dalle ferie estive

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

  • Il caffè è buono e fa bene

I più letti della settimana

  • Due colpi di pistola contro il balcone di casa di un disoccupato, aperta inchiesta

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

  • Incidente: auto si ribalta lungo la strada per Joppolo, 13enne in gravi condizioni

  • Pistola in pugno rapinano l'ufficio postale, in fuga due criminali

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento