Troppi sbarchi "fantasma", Lauricella diserta il centro d'accoglienza

Nonostante l'ufficiale invito della Prefettura, il sindaco di Siculiana non è andato al Villa Sikania: "Veniamo sempre tenuto all'oscuro di tutto. L'amministrazione è contro questo tipo di accoglienza"

Migranti in giro nei pressi del Villa Sikania

Scoppia la polemica a Siculiana dove il sindaco, Leonardo Lauricella, non ha accettato - nonostante l'invito della Prefettura di Agrigento - di recarsi al tanto contestato centro d'accoglienza di Villa Sikania. Stamani c'è stato, infatti, un incontro al quale hanno preso parte il prefetto di Agrigento Nicola Diomede e il cardinale Francesco Montenegro.

Lauricella aveva chiesto, più volte, un incontro al prefetto, senza ottenere risposta, riguardo alla questione che oggi verrà invece discussa in piazza, nella manifestazione organizzata dai cittadini. "Faccia a faccia", sui casi degli "sbarchi fantasma", al quale parteciperanno anche i commercianti di Porto Empedocle. 

Cittadini preoccupati si ritrovano in piazza per un confronto 

"La popolazione è in fermento per la manifestazione che farà il punto sulla situazione degli sbarchi sulle nostre coste - spiega il primo cittadino, Leonardo Lauricella - e proprio oggi, un'ora prima dell'evento, mi è arrivata una telefonata in cui vengo invitato alla visita che prefetto e cardinale faranno al centro di accoglienza di Villa Sikania. Come amministrazione abbiamo però deciso di non andare - commenta il sindaco -  questo perché siamo tenuti all'oscuro di tutto ciò che avviene all'interno della struttura: non abbiamo contezza di quanti migranti occupano quella struttura, quanti ne arrivano e quanti vanno via".

Tre sbarchi "fantasma" in 12 ore, l'Agrigentino è sotto assedio 

"Questa amministrazione - aggiunge Leonardo Lauricella - non è contro l'accoglienza ma contro questo tipo di accoglienza che prevede un numero sproporzionato di migranti per questa città. Noi una settimana fa avevamo chiesto un incontro al prefetto per parlare di questo problema e non abbiamo ricevuto risposta, adesso però arriva questa chiamata a cui noi non rispondiamo, scusandoci comunque con il cardinale. Questa situazione è inaccettabile". 

IL VIDEO. Carmina: "Non protestiamo contro i migranti ma contro il business dell'accoglienza"

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Come organizzare le pulizie al rientro dalle ferie estive

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

  • Il caffè è buono e fa bene

I più letti della settimana

  • Due colpi di pistola contro il balcone di casa di un disoccupato, aperta inchiesta

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

  • Incidente: auto si ribalta lungo la strada per Joppolo, 13enne in gravi condizioni

  • Pistola in pugno rapinano l'ufficio postale, in fuga due criminali

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento