"Guardia medica senza condizionatore e con tanti oggetti rotti", protestano gli utenti

Caldo torrido nella struttura sanitaria di Siculiana dove gli operatori sono costretti pure a fare i conti con una serranda che non si alza e una maniglia non funzionante

La sala delle visite con la serranda rotta che non si alza

Caldo torrido per la mancanza del condizionatore, una serranda rotta nella sala dei medici e una maniglia non funzionante di cui, da quasi tre mesi, si chiede all'Asp la sostituzione.

Il personale della Guardia medica di Siculiana e gli utenti devono fare i conti con una situazione di grande disagio. Nel presidio sanitario, che soprattutto nei mesi estivi rappresenta un punto di riferimento per migliaia di turisti e residenti, c'è una temperatura elevatissima, a tratti insopportabile in questi mesi di caldo record, a causa della mancanza di un impianto di raffreddamento dell'aria. Addirittura una cordicella per aprire la serranda della sala pazienti è rattoppata con del nastro adesivo e un'altra tapparella è rotta e non apre.

Problemi anche per la maniglia di ingresso, che è divelta, di cui il responsabile della struttura chiede la sostituzione da mesi. 

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • La ricetta dei panini di San Calò

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • Si contendono la location: scoppia una maxi lite fra i "paninari" di San Leone

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento