"Paninari" di San Leone, arriva l'ordine dalla Prefettura: lasciare l'area entro il 10 novembre

La decisione è arrivata da parte del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, in questi mesi era stata avviata una interlocuzione con le associazioni di categoria

Via dal Lungomare, per trovare - ma solo per chi ha i documenti in regola - una nuova destinazione in cui lavorare. Dopo mesi di interlocuzioni tra il Comune di Agrigento, il Demanio marino e le associazioni di categoria, è adesso il comitato per l'ordine e la sicurezza, attraverso la Prefettura, ad annunciare lo "stop" della permanenza dei cosiddetti "paninari" in piazza Caratozzolo.

Il primo passo era stato, questa estate, il diniego opposto dalla Regione alla possibilità di installarsi in quell'area. L'ufficio spiegò che molti erano ambulanti, e non potevano avere un posto fisso, ma che, soprattutto, da Palazzo dei Giganti era arrivata l'indicazione di liberare quella zona. Così erano intervenute le sigle di categoria del commercio, che avevano iniziato a mediare per trovare una collocazione diversa e autorizzabile. Un dialogo che, a quanto pare, si è completato e sta ora portando a provvedimenti di tipo "operativo". La Prefettura, infatti, ha chiesto al Demanio di “provvedere a notificare ai diretti interessati l’attuale condizione di irregolarità delle rispettive postazioni, invitandoli a procedere direttamente alla restituzione in pristino dei luoghi ed informando che, in mancanza di spontaneo adempimento entro il 10 novembre, si provvederà allo sgombero coattivo”. La Prefettura, in ultimo, chiede la collaborazione delle associazioni di categoria perché facilitino "lo spontaneo adempimento da parte degli esercenti" e consentano "la riaffermazione della legalità nel territorio… in un clima di serena collaborazione”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Video

    Incompiute 640 e Agrigento-Palermo, i sindaci: "Basta ai disagi per i cittadini"

  • Mafia

    Negata iscrizione alla "lista bianca" per parentele mafiose, il Tar dà ragione a imprenditrice

  • Cronaca

    A rischio i soldi per la rete idrica, Firetto scrive all'Ati: "Urge intervenire"

  • Sciacca

    "Estorsione a dipendenti albergo", chiesta condanna a 4 anni e 8 mesi

I più letti della settimana

  • Incidente fra tre auto sulla Agrigento-Palermo: un morto e tre feriti

  • Si getta in mare per farla finita, 60enne salvata in extremis dai carabinieri

  • "Notti da Far West", sgominata la gang: 4 arresti e 3 divieti di dimora

  • "Torture sessuali al compagno di cella per estorcergli sigarette", a giudizio

  • Cammarata è sotto choc, il sindaco: "La statale 189 è la strada della morte, l'Anas riveda e renda sicuro questo tracciato"

  • Un cane all'ingresso del pronto soccorso, la protesta: "Si rischiano infezioni"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento