Sfilata internazionale di Dolce & Gabbana, primo sopralluogo nella Valle

Lo stilista Domenico Dolce ha incontrato, nei pressi del tempio di Giunone, il sindaco Lillo Firetto e un referente del Parco archeologico

Lillo Firetto e Domenico Dolce

Un sopralluogo nella Valle dei Templi in vista della sfilata internazionale d'alta moda di luglio? Nessuno conferma - e nessuno smentisce -, ma martedì Domenico Dolce - con circa una decina di collaboratori - non soltanto ha incontrato il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, e un referente del Parco archeologico Valle dei Templi, ma avrebbe anche fatto un sopralluogo mirato nei pressi del tempio di Giunone. Una presenza quella dello stilista che non è, naturalmente, passata inosservata. Neanche agli agrigentini più distratti. 

Sfilate di lusso, Dolce e Gabbana scelgono la Valle dei Templi?

La società di produzione FeelRouge Worldwite Shows Srl ha ricevuto formale incarico dalla società Dolce & Gabbana Srl di organizzare un evento di alta moda ad Agrigento. L'amministrazione comunale di Agrigento ha già concesso, proprio con firma del sindaco Lillo Firetto, il patrocinio.

Dolce & Gabbana trasformano Palma di Montechiaro in un palcoscenico a cielo aperto 

Dopo il sopralluogo nella Valle dei Templi, pare che il sindaco di Agrigento e lo stilista Domenico Dolce abbiano pranzato in un locale del centro della città.

Sfilate di lusso, Dolce e Gabbana scelgono la Valle dei Templi?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Braccati dai carabinieri dopo la rapina alla banca Sant'Angelo: fermati 2 palermitani e un sabettese

  • Rapinata la banca Sant'Angelo: in due portano via 50 mila euro

  • Il colpo in banca da oltre 50mila euro, la banda dal gip: uno dei banditi aveva distintivo dei carabinieri

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Grande Fratello vip, l'empedoclina Clizia Incorvaia al centro del gossip

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento