Agrigento, versamento di liquami a San Leone: la Procura impone il sequestro dell'area

La Procura ha posto sotto sequestro l'area all'altezza della centralina di sollevamento della Pubblica sicurezza a San Leone dove ieri sera si era verificato un sospetto versamento

La Procura ha posto sotto sequestro l'area all'altezza della centralina di sollevamento della Pubblica sicurezza a San Leone dove ieri sera si era verificato un sospetto versamento.

A porre in essere il sequestro, la Guardia costiera della sezione Pg della Procura, unitamente agli agenti del Nucleo tutela ambientale della Polizia municipale.

«Ieri sera intorno le 20 si è diffuso un forte puzzo di fogna e la centralina è andata in allarme. Intorno le ore 20,30 è arrivata Girgenti acque che ha ipotizzato un problema elettrico», scrive oggi Mareamico che racconta inoltre che «intorno la mezzanotte veniamo avvertiti tramite facebook, che la fogna all'altezza della spiaggia del ragno d'oro era scoppiata. All'una di notte ci rechiamo nei luoghi segnalati ed effettivamente li abbiamo trovati inondati di fogna nera ed anche il mare aveva queste caratteristiche. Probabilmente era scoppiata la condotta premente. Questa mattina ci siamo recati sui luoghi ed ancora permaneva un piccolo sversamento in mare da sotto le pietre, nella zona della spiaggia del ragno d'oro.
Intorno le 10,00 presentiamo un esposto denuncia su quanto accaduto. Alle 14,30 il disatro diviene totale: un fiume di fogna attraverso il vallone donna cristina è arrivato in mare. In mattinata i vertici dell'ente gestore delle fognature sono stati sentiti dagli Organi inquirenti incaricati ad indagare dalla Procura di Agrigento. In zona sono stati apposti i cartelli di divieto di balneazione. Le dichiarazioni di questa mattina di Girgenti acque che nulla è stato sversato in mare e che lo stesso gode di buona salute, sono dichiarazioni irresponsabili
».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sfonda il tetto del capannone e precipita da più di 10 metri: 29enne in gravi condizioni

  • Trova cellulare e lo consegna al Comune, finisce a processo per ricettazione: assolto

  • Morto per infarto intestinale non diagnosticato, la difesa: "Familiari della vittima fuori dal processo"

  • Chiusero una veranda con vetri scorrevoli, il Tar: "Non è abuso, non produce volume"

  • La campionessa Federica Pellegrini sceglie borse made in Ravanusa

  • Maxi tamponamento lungo la statale 640: traffico in tilt

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento