"Sea Watch3" a 15 miglia da Lampedusa appende gli striscioni: "Aprite i porti"

La Ong: "Siamo davanti all'isola e abbiamo bisogno di un approdo sicuro per sbarcare le persone soccorse, di cui 5 minori e due molto piccoli"

Un momento del salvataggio dei 53 migranti (foto Facebook)

Pendola, dall'alba, al di fuori delle acque territoriali italiane. Un "copione" già visto quello della Sea Watch 3 che, alle 6,30 circa di stamani, sembrava aver cambiato rotta virando verso Malta e poi è tornata indietro. Alle 12,50 risulta essere però a circa 15 miglia dalla costa di Lampedusa da dove sta lanciando una sorta di appello: "Sea Watch rimane senza un porto sicuro assegnato con a bordo 53 persone di cui 5 minori, 2 molto piccoli. Davvero un ministro della Repubblica Italiana vuole costringerci - scrive in un tweet la Ong - a portare queste persone in un Paese in guerra? Davvero l'Ue permette una tale violazione dei diritti umani?". 

Salvini: "Basta dissequestri o vado io in Procura ad Agrigento"

La Sea Watch 3 fa rotta verso Lampedusa, Salvini firma una direttiva

A bordo della nave Ong, battente bandiera olandese, ci sono  53 migranti salvati da un gommone in avaria, in acque libiche. Giunta a poche miglia da Lampedusa, obiettivo dichiarato nonostante il divieto del Viminale, all'alba di stamani aveva virato - secondo quanto rilevato dal sito Marinetraffic, verso Est in direzione di Malta. La nave si sposta da Ovest ad Est e viceversa al di fuori delle acque territoriali italiane.

Nel governo l'unica voce è di Salvini: "assordante" silenzio di Conte e M5s

Poi si è fermata - sarebbe a circa 15 miglia da Lampedusa - ed è in attesa di capire dove sbarcare i 53 naufraghi. Ieri l'Ong aveva confermato di non volere fare  sbarcare i migranti a Tripoli, in Libia.

"Open ports", "open hearts", aprite i porti, aprite i cuori: sono i due striscioni che sono stati appesi a bordo della Sea Watch 3 che si trova ad una quindicina di miglia da Lampedusa e che ha postato una foto su twitter con tutto l'equipaggio e i migranti soccorsi. "Siamo arrivati davanti a Lampedusa e abbiamo bisogno di un porto sicuro per sbarcare le persone soccorse, di cui 5 minori e due molto piccoli - afferma la Ong - . Davvero un ministro della Repubblica italiana vuole costringerci a portare queste persone in un Paese in guerra? Davvero l'Ue permette una tale violazione dei diritti umani?".

Città tedesche pronte all'accoglienza 

"'Se necessario sono pronto a mandare degli autobus per prendere queste persone' - avrebbe detto il sindaco di Rottenburgs che insieme ad altre città tra cui Berlino - scrive la Ong tedesca su Twitter - annunciano la propria disponibilità ad accogliere le 53 persone soccorse da SeaWatch".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento