Screening uditivo neonatale, l'Asp cerca uno specialista

Il deficit permanente infantile è un problema sanitario serio che colpisce 1-3 neonati su 1000, percentuale che sale nel caso di fattori di rischio o ricoverati nell'unità di terapia intensiva

L'Asp cerca un dirigente medico, in possesso di specializzazione in Otorinolaringoiatria, da assegnare all'unità operativa complessa del presidio ospedaliero di Agrigento. Uno specialista che dovrà occuparsi di effettuare lo screening uditivo neonatale di secondo livello.

Il direttore dell'unità operativa, Ettore Bennici, ha chiesto la proroga dell'incarico medico professionale al medico otorinolaringoiatra Patrizia Zambito. L'Asp - il direttore generale Giorgio Giulio Santanocito - oltre a dare il via libera alla proroga dell'incarico ha approvato un avviso per cercare un dirigente medico, in possesso di specializzazione in Otorinolaringoiatria, per effettuare lo screening uditivo neonatale di secondo livello. Si tratta - secondo quanto previsto dall'azienda sanitaria provinciale - di un incarico di un anno. 

Il deficit uditivo permanente infantile è un problema sanitario serio che colpisce 1-3 neonati su 1000; questa percentuale sale a valori del 4-5% nel caso di neonati con fattori di rischio o ricoverati nell'unità di terapia intensiva neonatale.       

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento