Attivista per l'acqua pubblica sospende sciopero della fame

Dopo cinque giorni le sue condizioni fisiche sarebbero peggiorate e ha deciso di recedere dalla forma estrema di protesta

Enrico Caldara

Dopo cinque giorni interrompe lo sciopero della fame Enrico Caldara , attivista del comitato cittadino di San Biagio Platani aderente al Forum Acqua beni comuni Sicilia e al coordinamento Titano. Una decisione, spiega, presa insieme alla sua famiglia a causa delle condizioni fisiche scaturenti dalla sospensione dell'alimentazione che avrebbe provocato problemi all'apparato respiratorio.

Caldara, comunque, ritiene "il risultato dello sciopero della fame in buona  parte positivo . Primo perchè sulla battaglia dell'acqua pubblica che stiamo conducendo abbiamo avuto il sostegno del presidente della camera Roberto Fico il quale sul proprio profilo facebook ha dichiarato che è necessario fare una legge per dare seguito al referendum del 2011 (una legge regionale in realtà c'è già da quattro anni,anche se è stata pesantemente cassata dalla Corte Costituzionale, ndr). Altro risultato importante  - dice - è l'interessamento dei media alla causa dell'acqua pubblica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • A Milano con la paura addosso, Daniele: "Coronavirus? Ho un consiglio per i miei concittadini"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento