"False attestazioni per candidarsi alla Camera", indagata la testimone di giustizia Piera Aiello

La parlamentare è stata messa sotto inchiesta dalla Procura di Sciacca perché avrebbe "usato"il vecchio nome che, a tutti gli effetti, era stato congelato

Piera Aiello

La deputata del Movimento 5 Stelle Piera Aiello, 51 anni, è state iscritta nel registro degli indagati dalla procura di Sciacca, in provincia di Agrigento, con l’accusa di falso in atto pubblico. La parlamentare è accusata di avere presentato false attestazioni che le hanno consentito di candidarsi alla camera dei deputati.

Secondo i pm avrebbe utilizzato un nome che a tutti gli effetti non esiste più perché è stato cancellato dalle liste del Comune di Partanna per via del suo status di testimone di giustizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento