"False attestazioni per candidarsi alla Camera", indagata la testimone di giustizia Piera Aiello

La parlamentare è stata messa sotto inchiesta dalla Procura di Sciacca perché avrebbe "usato"il vecchio nome che, a tutti gli effetti, era stato congelato

Piera Aiello

La deputata del Movimento 5 Stelle Piera Aiello, 51 anni, è state iscritta nel registro degli indagati dalla procura di Sciacca, in provincia di Agrigento, con l’accusa di falso in atto pubblico. La parlamentare è accusata di avere presentato false attestazioni che le hanno consentito di candidarsi alla camera dei deputati.

Secondo i pm avrebbe utilizzato un nome che a tutti gli effetti non esiste più perché è stato cancellato dalle liste del Comune di Partanna per via del suo status di testimone di giustizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento