Bimba di 9 anni muore per aneurisma cerebrale, atto d'amore dei genitori: donati gli organi

Slancio di solidarietà da parte di una mamma e un papà che stanno vivendo la tragedia più grande

L'ospedale "Di Cristina" di Palermo

Ci sono slanci d'amore che nemmeno la morte - e il dolore straziante - riescono a fermare. Ci sono gesti che segnano e cambiano la vita, anche degli altri. Una bambina di Sciacca, Carola Benedetta Catanzaro, 9 anni, 10 fra poche settimane, è stata colpita da aneurisma cerebrale. E' stata ricoverata al "Di Cristina" di Palermo, meglio noto come l'ospedale dei bambini. Ha lottato, la piccola. Ma non ce l'ha fatta.

Mamma e un papà - in quella che è stata una tragedia - hanno scelto, dando il consenso all'espianto degli organi, di far continuare a vivere la propria piccina donando i suoi organi. Uno slancio d'amore, nei confronti della propria figlia, che va oltre la morte. Uno slancio d'amore e solidarietà che è capace soltanto di dare speranza di vita.

La morte della piccola Carola, il sindaco: "Grazie per il generoso gesto"

La piccola frequentava la quinta elementare del primo circolo didattico di Sciacca. Ed è l'intera città, dove rimbalza la notizia della tragedia e del gesto d'amore compiuto da mamma e papà, che, in queste ore, è ammutolita e sotto choc. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento