Guerra a chi usa il cellulare alla guida, la polizia multa 87 automobilisti senza regole

La "Stradale", coordinata dal vice questore Andrea Morreale, ha anche fermato tre giovani colpevoli d'essere al volante della loro auto in stato di ebbrezza

La polizia stradale punisce gli automobilisti senza regole. Per tutta la settimana, ma anche per nel corso del week end, gli agenti sono stati impegnati nella sicurezza stradale. Le pattuglie hanno accertato ben 87 sanzioni per uso non corretto dei cellulari alla guida.

Inoltre, la “Stradale", coordinata dal vice questore Andrea Morreale, ha beccato tre conducenti che guidavano in stato di ebbrezza alcolica. I giovani sono stati deferiti alla Procura della repubblica di Agrigento. Si tratta di S.L., ragazza di 21 anni residente a Ravanusa. Un 28enne favarese, S.G., queste le sue iniziali, ed un 24enne residente a Delia, S.G.

Inoltre, durante i controlli della polizia stradale, è stato fermato un mezzo pesante, della provincia di Ragusa. Per il conducente una multa di 868 euro e la sospensione della patente di guida, con decurtazione di dieci punti, ed anche il sequestro di una particolare calamita.

Secondo quanto accertato dagli agenti, l’aggeggio manometteva il regolare funzionamento dell’apparecchiatura cronotachigrafo, con una incongruenza tra i chilometri percorsi e quelli, appunto, registrati

437d850a-c6e1-467e-857e-f85f05e3f3ac-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento