Sangue infetto al Barone Lombardo? Udienza a Palermo

Gli eredi di un uomo hanno chiesto una consulenza tecnica per risalire  alle cause che hanno determinato la contrazione di Hcv

Sangue infetto, oggi importante udienza al tribunale di Palermo. L’Asp di Agrigento, secondo quanto fa sapere l’edizione odierna del quotidiano La Sicilia, è chiamata in causa dall’azienda Villa Sofia – Cervello. Gli eredi di un uomo hanno chiesto una consulenza tecnica per risalire  alle cause che hanno determinato la contrazione di Hcv. Tutto sarebbe riconducibile  alle numerose trasfusioni praticate alla casa di cura “Torina” di Palermo. I fatti risalgono tra  2015 ed il 2016. Il giudice ha dato l’ok,  così l’azienda ospedaliera  Villa Sofia – Cervello ha chiesto la chiamata in causa dell’Asp di Agrigento avendo dimostrato che la sacca ematica in questione proveniva dall’ospedale Barone Lombardo di Canicattì. L’Asp di Agrigento, si è affidata ad un legale per ottenere il rigetto delle pretese.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento