Archeologia, ritrovata un’ancora litica nelle acque di San Leone

Il gruppo subacqueo BCsicilia ha avvisato la Soprintendenza del Mare per le opportune verifiche e decidere se recuperare o lasciare dove si trova il reperto

L’ancora litica nelle acque di San Leone ad Agrigento

E' stata ritrovata - dai volontari del gruppo subacqueo di BCsicilia - un'ancora litica nelle acque di San Leone. Si tratta di un reperto di particolare interesse archeologico: è un’ancora litica di forma ovoidale con un foro distale, di dimensioni di 55x70 centimetri, risalente probabilmente al VI secolo avanti Cristo. 

La scoperta si deve ad un componente del gruppo subacqueo di BCsicilia, Francesco Urso, ed è avvenuta durante una escursione subacquea. Il reperto è stato documentato e ne è stata rilevata la posizione, ma lasciato nella sua  sede originaria. E' stata immediatamente avvertita la Soprintendenza del Mare per le opportune verifiche e decidere se recuperare o lasciare dove si trova il reperto.

BCsicilia metterà a disposizione dell’amministrazione, se richiesto, i propri subacquei sia per l'individuazione del reperto sia per l’eventuale recupero.
 

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

  • La birra come prodotto di bellezza

  • Nuotare fa bene a corpo, mente e anima

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • Muore vecchio boss di Palma, il questore dispone: niente funerali

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Camilleri sepolto nella sua Porto Empedocle? Ecco il retroscena

  • "Rapina e violenta moglie dell'amico dopo avere trascorso il Capodanno insieme", condannato 27enne

  • "Mi ha minacciata e violentata": donna denuncia bracciante agricolo

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento