Il lungomare Falcone e Borsellino si rifà il "look", pronto progetto

Gli interventi saranno finanziati con 170mila euro provenienti dalla cosiddetta "Norma Fraccaro"

Il lungomare Falcone e Borsellino tornerà pienamente transitabile anche alle bici e alle moto, e sarà anche più "green".

Gli uffici hanno infatti approvato in linea amministrativa il progetto di rifacimento della strada principale di San Leone (da oltre un anno e mezzo chiusa a moto e bici), che verrà complessivamente manutenuta con risorse provenienti dal Ministero dello sviluppo economico attraverso la cosiddetta “Norma Fraccaro”, che ha destinato a diversi comuni somme per opere di “efficientamento energetico e sviluppo sostenibile”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Manutenzione del lungomare Falcone e Borsellino, una task force per i lavori

Complessivamente per rifare la strada, eliminando gli avvallamenti e ribitumandola nel suo
complesso, serviranno esattamente 170mila euro (salvo ribassi di gara), che consentiranno tra l’altro di stendere un conglomerato bituminoso “fotocatalitico”. Un materiale particolare, capace di abbattere la concentrazione degli inquinanti atmosferici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Palma sotto choc per la morte di Marchese, il sindaco: "Siamo sgomenti per il brutale omicidio"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento