Operatori ecologici "dirottati", al via la rimozione delle alte sterpi

Le operazioni di diserbo sono partite stamani da San Leone e, progressivamente, si sposteranno verso il centro

Operatore al lavoro a San Leone

Diserbo della città, si parte. Dopo alcuni giorni di confronti con gli uffici, che però non hanno portato all’individuazione di soluzioni alternative si è deciso di spostare una parte delle risorse umane dedicate alla raccolta dei rifiuti e dello spazzamento sulle operazioni di eliminazione delle sterpi, che hanno ormai invaso la città in modo estremamente democratico.

Questo, hanno già annunciato dall’amministrazione, potrà portare ad alcuni “assestamenti” rispetto al servizio, dato che il principio con il quale ci si muove è sempre quello della “coperta corta”: se copri la testa, si scopriranno i piedi e viceversa.

IL VIDEO. Si restituisce decoro e dignità a San Leone

Per questo, in modo riservato, si era discusso nei giorni scorsi della possibilità di un ampliamento della dotazione organica con un potenziamento temporaneo degli operai in servizio. Ipotesi rapidamente scartata sia perché avrebbe comportato un aumento dei costi difficile da coprire economicamente, ma anche perché questo avrebbe potuto provocare serie polemiche: impossibile giustificare un taglio degli operatori sostenendo che quelli finora in servizio erano stati in eccesso e poi assumerne di nuovi, anche se a tempo.

Le operazioni di diserbo sono partite da San Leone e, progressivamente, si sposteranno verso il centro. La domanda che assale molti però è: quando (e se) si arriverà fino alle periferie?

"Il servizio di disinfestazione per le zanzare si sta svolgendo, come di norma, - spiega l'assessore comunale Gerlando Riolo - per il trattamento contro le larve. Ho chiesto alla ditta incaricata di eseguire contemporaneamente, in aggiunta al protocollo concordato, anche un trattamento contro le forme adulte, già particolarmente numerose. A questi seguiranno, come da contratto, gli altri trattamenti sulle larve e sulle zanzare adulte".

E' in corso di svolgimento  pure la derattizzione che proseguirà nei prossimi giorni e che interesserà tutta la città.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento