Il Comune chiede al Demanio di ripulire il Viale delle Dune dalla sabbia

"Le spiagge ricadono nella competenza del Dipartimento Regionale, al quale - sottolinea l'assessore Gibilaro - andrà eventualmente addebitata ogni responsabilità sul mancato ripristino del fondo stradale"

L’Amministrazione comunale, accogliendo le numerose segnalazioni pervenute all’Ufficio per le Relazioni con il pubblico relativamente alla presenza di sabbia, proveniente dal litorale marino sul fondo stradale del Viale delle Dune, ha trasmesso una nota al Dipartimento Demanio della Regione, alla Capitaneria di Porto di Porto Empedocle ed alla Prefettura, perché si intervenga, con la massima urgenza e per evidenti motivi di sicurezza, al ripristino della strada interessata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’invito ad intervenire è principalmente rivolto agli uffici del demanio in quanto le spiagge ricadono nella competenza del Dipartimento Regionale, al quale - sottolinea l’assessore comunale ai Lavori pubblici Gerlando Gibilaro -, andrà eventualmente addebitata ogni responsabilità sul mancato ripristino del fondo stradale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento