Rifiuti non correttamente differenziati lasciati per strada, non si placa la protesta

C'è anche chi continua a trovare il mastello rotto e chi invece, affacciandosi dal balcone di casa, scorge soltanto spazzatura sparpagliata

(foto Facebook)

Rifiuti, differenziati, che non vengono ritirati. Cittadini che si ritrovano sul sacchetto della spazzatura un biglietto, lasciato dagli operatori ecologici, che parla di raccolta differenziata non corretta. Se il caso del “carton pizzagate” è stato quello più emblematico ed ha fatto scoppiare un putiferio di polemiche, le diatribe con i netturbini continuano a non mancare. E accade in centro quanto nelle periferie della città dei Templi. Stando alla mancata raccolta della spazzatura, da parte degli operatori ecologici, ci sono ancora molti agrigentini che continuano a sbagliare, che non sanno ancora differenziare. Ma le proteste sono all’ordine del giorno perché c’è chi trova – continua a trovare – il mastello rotto e chi invece si ritrova i sacchetti squarciati e tutti i rifiuti abbandonati per strada.

“Dal giorno che è comincia la raccolta indifferenziata ho sempre seguito le regole. Il risultato è che oggi mi lasciano il secco non riciclabile sotto casa con scritto che il sacchetto non va bene – ha segnalato, fra le tante, una agrigentina all’assessore all’Ecologia Nello Hamel - . Ho usato sempre gli stessi sacchetti che sono stati sempre ritirati. Cosa è questa novità? Sono in regola con tutto, pago le tasse per due case”.

A cercare di spiegare, anche se non tutti i cittadini-contribuenti hanno un profilo social, è proprio l’assessore Hamel: “Il problema non è il sacchetto inteso come contenitore, ma quello che c’è dentro. Oggi era il turno dell’indifferenziato si poteva usare qualsiasi sacchetto, ma bisognava conferire solo quello che costituisce l’indifferenziato, quindi niente carta, niente plastica, niente umido e niente vetro”. L’assessore ha, ancora una volta, ringraziato tutti quelli che stanno facendo bene la raccolta differenziata “perché stanno contribuendo al grande risultato raggiunto e al bene del nostro ambiente”. Il risultato di cui parla l’assessore Hamel è che la differenziata, ad Agrigento, ha raggiunto il 70 per cento. C’è poi, però, chi protesta perché gli operatori ecologici “squarciano i sacchi e li lasciano per strada. Parlo da cittadina che sta facendo bene la raccolta differenziata – ha detto un’altra agrigentina - . La mia raccolta l’hanno ritirata, ma è giusto che, affacciandomi dalla mia finestra, devo vedere tutti i rifiuti sparsi per terra?”. Di fatto, nonostante le spiegazioni e i chiarimenti, le polemiche proseguono. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di maria teresa
    maria teresa

    per non parlare del "lancio" dei sacchetti verso i camion che, nella delicatezza del gesto, si aprono e spargono munnizza ovunque.... plastica... carta.... pazienza ! Ma....... I PANNOLINI?!?!!?

  • ASSESSORE A QUANDO NIENTE SACCHETTI, NIENTE MICRO DISCARICHE, NIENTE EVASORI???? E' trascorso un anno da quando Agrigento fa la raccolta differenziata e la città come la periferia e le strade di ingresso sono un vero e proprio porcile. Questo perché chi non è censito la spazzatura la: produce, la getta ovunque, se ne fotte del danno ambientale ed economico in capo a chi paga le tasse (i costi sono addebbitati a noi censiti) e del danno d'immagine di una città che dovrebbe campare principalmente di turismo. ASSESSORE E SINDACO PRIMA DI MULTARE LA VECCHIETTA CHE HA SBAGLIATO A CONFERIRE UN RIFIUTO, ANDATE A RECUPERARE I MILIONI DI EURO DAGLI EVASORI .... sarebbe da fare una class action contro il comune proprio per questi maggiori costi in capo a noi paganti tari perché la situazione non solo è così dall'inizio dell'anno ma è peggiorata. Il comune deve dimostrarci che ha incrociato i dati (catastali e utenze) deve dimostrare che ha mandato i VV.UU. porta a porta a chiedere i documenti della TARI (è facile basta andare la mattina presto dove non vi sono mastelli) non a mandare pattuglie a controllare nei mastelli il "pelo nell'uovo" e multare per far cassa .... sempre con chi paga e mai con chi evade. Ci sono quartieri e vie ovunque dove i cumuli di sacchetti regnano senza nessun bliz (piazza ravanusella In primis... il peso dell'accoglienza) VERGOGNA NON È POSSIBILE DOPO UN ANNO QUESTA AMMINISTRAZIONE NON HA RISOLTO IL PROBLEMA .... E TUTTI DORMONO

  • Ma e proprio così difficile differenziare o manca la voglia o cultura

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Trovata in possesso di munizionamento bellico", denunciata 39enne lampedusana

  • Cronaca

    Maxi depuratore della zona costiera, via ai primi interventi per la realizzazione

  • Politica

    Elezioni europee 2019, domani si vota: ecco tutte le indicazioni

  • Cronaca

    Disabili e rimborsi mancati per 8 milioni di euro, il Comune impugna la sentenza

I più letti della settimana

  • Schiacciato dal trattore mentre ara la sua terra: muore un pensionato

  • Si è lanciato dal balcone della propria casa: muore elettricista 50enne

  • Mamma e neonato cadono in casa: polizia scorta il piccino ferito alla testa fino all'ospedale

  • Tragedia in viale Emporium, muore un uomo di 56 anni: inutili i soccorsi

  • "Terroni, votatemi", la città si sveglia invasa di finti manifesti di Matteo Salvini

  • Piero Barone canta a Tokyo, "Il Volo" top nella classifiche in Giappone

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento