Rifiuti non correttamente differenziati lasciati per strada, non si placa la protesta

C'è anche chi continua a trovare il mastello rotto e chi invece, affacciandosi dal balcone di casa, scorge soltanto spazzatura sparpagliata

(foto Facebook)

Rifiuti, differenziati, che non vengono ritirati. Cittadini che si ritrovano sul sacchetto della spazzatura un biglietto, lasciato dagli operatori ecologici, che parla di raccolta differenziata non corretta. Se il caso del “carton pizzagate” è stato quello più emblematico ed ha fatto scoppiare un putiferio di polemiche, le diatribe con i netturbini continuano a non mancare. E accade in centro quanto nelle periferie della città dei Templi. Stando alla mancata raccolta della spazzatura, da parte degli operatori ecologici, ci sono ancora molti agrigentini che continuano a sbagliare, che non sanno ancora differenziare. Ma le proteste sono all’ordine del giorno perché c’è chi trova – continua a trovare – il mastello rotto e chi invece si ritrova i sacchetti squarciati e tutti i rifiuti abbandonati per strada.

“Dal giorno che è comincia la raccolta indifferenziata ho sempre seguito le regole. Il risultato è che oggi mi lasciano il secco non riciclabile sotto casa con scritto che il sacchetto non va bene – ha segnalato, fra le tante, una agrigentina all’assessore all’Ecologia Nello Hamel - . Ho usato sempre gli stessi sacchetti che sono stati sempre ritirati. Cosa è questa novità? Sono in regola con tutto, pago le tasse per due case”.

A cercare di spiegare, anche se non tutti i cittadini-contribuenti hanno un profilo social, è proprio l’assessore Hamel: “Il problema non è il sacchetto inteso come contenitore, ma quello che c’è dentro. Oggi era il turno dell’indifferenziato si poteva usare qualsiasi sacchetto, ma bisognava conferire solo quello che costituisce l’indifferenziato, quindi niente carta, niente plastica, niente umido e niente vetro”. L’assessore ha, ancora una volta, ringraziato tutti quelli che stanno facendo bene la raccolta differenziata “perché stanno contribuendo al grande risultato raggiunto e al bene del nostro ambiente”. Il risultato di cui parla l’assessore Hamel è che la differenziata, ad Agrigento, ha raggiunto il 70 per cento. C’è poi, però, chi protesta perché gli operatori ecologici “squarciano i sacchi e li lasciano per strada. Parlo da cittadina che sta facendo bene la raccolta differenziata – ha detto un’altra agrigentina - . La mia raccolta l’hanno ritirata, ma è giusto che, affacciandomi dalla mia finestra, devo vedere tutti i rifiuti sparsi per terra?”. Di fatto, nonostante le spiegazioni e i chiarimenti, le polemiche proseguono. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Trova portafogli e lo porta in Questura, 70enne non sapeva d'averlo perso: rintracciato

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento