Giustizia fai da te? "Sequestrano il 30enne che li aveva derubati": arrestati due braccianti

Il giovane che si era impossessato di due forbici elettriche è stato costretto a salire sull'autovettura. Determinanti le chiamate al 112 e le testimonianze di molti cittadini

Subiscono il furto di due forbici elettriche da potatura, del valore di alcune centinaia di euro, e attuano il metodo della "giustizia fai da te". Due braccianti agricoli, ritenendo responsabile del furto un trentenne romeno domiciliato a Ribera, si sono presentati nell'abitazione dell'uomo, lo hanno malmenato e minacciato con un coltello. Poi, lo hanno prelevato con forza, costringendolo a salire su un'autovettura. Qualcuno, accorgendosi di quanto stava accadendo e temendo il peggio, ha chiamato il 112. I carabinieri sono accorsi e sono riusciti ad intercettare e bloccare, dopo un breve inseguimento, l'auto su cui viaggiavano i due braccianti agricoli e il romeno. 

I riberesi - Vito Fiorito di 34 anni e Giuseppe Taormina, di 27, sono stati arrestati per l'ipotesi di reato di sequestro di persona. Su disposizione del sostituto procuratore di turno, entrambi sono stati posti ai domiciliari.

I carabinieri hanno anche sentito - in quella che è stata, di fatto, un'indagine lampo - vari testimoni. Sono state effettuate delle perquisizioni che hanno consentito di trovare e sequestrare il coltello utilizzato per le minacce al romeno mentre, a casa del trentenne, i carabinieri hanno ritrovato le forbici elettriche. Al termine degli accertamenti, per il romeno vittima del sequestro, è stata formalizzata una denuncia per ricettazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ancora una volta, per il buon esito delle indagini si è rivelato fondamentale e prezioso il contributo di alcuni cittadini: sia per la tempestiva telefonata al “112” che per le testimonianze fornite nell’immediatezza agli investigatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

  • Troppa gente non rispetta le regole, Firetto: "Pronti a firmare ordinanze di inibizione di alcune zone"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento