Feto muore in utero, la mamma è risultata "positiva" al Coronavirus: off-limits il Punto Nascite

Il sindaco: "La causa della morte endouterina non è conosciuta. Potremo conoscerla con certezza dall'esame autoptico. La paziente è asintomatica e non riferisce di aver avuto stretti contatti con persone già infette o provenienti da aree cosiddette ad alto rischio"

(foto ARCHIVIO)

Caso di morte endouterina fetale al Punto Nascite dell'ospedale "Giovanni Paolo II" di Sciacca. La gestante - la donna che aveva atteso con ansia e trepidazione il momento in cui sarebbe diventata mamma - è risultata essere positiva al Covid-19. Il Punto Nascite è stato dunque chiuso (tornerà operativo in serata) e Ribera, la città di cui è originaria la donna, è finita di nuovo sotto choc. 

Paziente positiva al Covid-19, temporaneamente chiuso il Punto nascite

Non ci sono certezze sul perché il cuoricino del feto abbia smesso di battere. A chiarire la causa della tragedia sarà verosimilmente l'autopsia. "Da notizie avute direttamente dal direttore dell'unità operativa complessa, al momento, la causa della morte endouterina non è conosciuta - ha spiegato il sindaco di Ribera: Carmelo Pace - .  Le cause di morte fetali sono e restano tantissime e di diverse origini. Lo potremo sapere con certezza dall'esame autoptico che verrà effettuato nei tempi e nelle modalità corrette. Sulla positività del tampone effettuato alla gestante, al momento, disarma il fatto che la paziente è asintomatica e non riferisce di aver avuto stretti contatti con persone già positive o provenienti da aree cosiddette ad alto rischio - ha evidenziato il sindaco di Ribera - . Questo deve servire da monito a restare tutti a casa. Il reparto di Ostetricia di Sciacca ha già preso le dovute precauzioni di sanificazione nella possibilità di ritornare operativo al più presto". 

Primo morto per Covid-19, Pace su tutte le furie: "Si organizzano 'schiticchi' e si fanno file per i 'Gratta e vinci'"

Ribera, appena ieri mattina, s'era risvegliata con la notizia del decesso di suo 87enne concittadino che, dopo la diagnosi d'infezione al Coronavirus, era stato trasferito al reparto di Terapia intensiva all'ospedale "Umberto I" di Enna. Oggi, quest'ennesimo dramma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anziano trasferito d'urgenza per Covid-19 all'ospedale di Enna, in nottata la tragedia: l'uomo è morto

Le attività di ricovero e di pronto soccorso del Punto nascite di Ginecologia e Ostetricia dell'ospedale di Sciacca sono state sospese. E' stata subito fatta la sanificazione e disinfezione degli ambienti ospedalieri interessati e - stando a quanto ha annunciato il commissario ad acta per le emergenze Covid degli ospedali riuniti di Sciacca e Ribera - riaprirà in serata.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento