"Volevano i soldi e la carne", giovani selvaggiamente picchiati per rapina: due fermi

I ragazzi, di 20 e 23 anni, sono finiti al pronto soccorso dell'ospedale dove i medici hanno diagnosticato varie ferite e traumi

Avrebbero aggredito, violentemente picchiato e minacciato di morte due connazionali nel tentativo di derubarli. Volevano i soldi, ma volevano anche la carne e quei pochi generi alimentari che i due tunisini avevano comprato. Due extracomunitari che si stavano preparando, a quanto pare, a fare una cena all'aperto.

Gli autori di quella che è stata una vera e propria aggressione per mettere a segno una rapina sono stati individuati - dai carabinieri della tenenza di Ribera e da quelli della compagnia di Sciacca - e sono stati già sottoposti a fermo. Si tratta di Kalil Karoui di 31 anni e Safoine Moussa di 23 anni. Sono ritenuti responsabili di rapina aggravata, minacce e lesioni. Si tratta di due persone già destinatarie di decreto di espulsione.  

I due tunisini - vittima della rapina - hanno tentato di opporsi, di reagire e, per questo motivo, sono stati presi a calci e pugni, ma anche a feriti con bottiglie di vetro rotte. I ragazzi, di 20 e 23 anni, sono finiti al pronto soccorso dell'ospedale di Ribera dove i medici hanno diagnosticato varie ferite e traumi.

Potrebbe interessarti

  • L'arnica, un rimedio naturale a dolori e infiammazioni

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Specchio, specchio delle mie brame

  • Il party perfetto di Ferragosto

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • Scooterone finisce dentro un canale di scolo: muore trentenne a causa di un incidente

  • Mafia e massoneria deviata, scatta un altro arresto e un obbligo di presentazione alla Pg

  • Si sente male mentre fa il bagno, tragedia in spiaggia: muore un pensionato

  • Auto investe un ciclomotore e scappa: due 17enni feriti, denunciato automobilista "pirata"

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento