Inquinamento a Lido Azzurro, Girgenti acque replica a Mareamico

«L'eventuale inquinamento del Lido azzurro non può in alcun modo essere causato dal gestore del sistema idrico integrato - scrive Girgenti acque -. L'impianto di sollevamento reflui, denominato "Lido azzurro", provvede a recapitare al depuratore comunale "molo di levante" i liquami fognari delle zone di Punta Grande e dell'omonima zona balneare Lido Azzurro. E' regolarmente funzionante e viene costantemente controllato dai nostri operatori più volte al giorno»

Con riferimento al comunicato del rappresentante di Mareamico sul Lido Azzurro di Porto Empedocle la Girgenti Acque precisa:

«L’eventuale inquinamento del Lido azzurro non può in alcun modo essere causato dal gestore del sistema idrico integrato.
L’impianto di sollevamento reflui, denominato "Lido azzurro”, provvede a recapitare al depuratore comunale “molo di levante” i liquami fognari delle zone di Punta Grande e dell’omonima zona balneare Lido Azzurro.  E’ regolarmente funzionante e viene costantemente controllato dai nostri operatori più volte al giorno, in diverse fasce orarie. E’ dotato di  allarme telefonico, con combinatore gsm, che provvede a segnalare ogni evento potenzialmente causa di sversamenti (interruzione elettrica Enel, blocco pompe, elevato livello liquami in vasca). Gli allarmi vengono inoltrati mediante sms al responsabile d’area, al responsabile manutenzioni, al tecnico reperibile di turno dalle 17 alle 8, che provvedono tempestivamente a far intervenire le squadre operative.
Allorquando, in caso di eventi eccezionali, non si riesca a riavviare il sistema di pompaggio, si provvede mediante autoespurghi al trasporto dei reflui al depuratore comunale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel torrente naturale, denominato “Torrente Re”, non confluiscono reflui fognari. Nello stesso possono essere convogliati i reflui soltanto in caso di avarie eccezionali, a mezzo dello sfioro di “troppo pieno “, di cui è dotata la vasca di accumulo che, grazie ai suddetti sistemi di intervento, non interviene mai.
E’ opportuno, a tal proposito, evidenziare che nel suddetto corso d’acqua è sempre presente un rigagnolo proveniente dall’entroterra, costantemente umido, che raggiunge il mare dando luogo a ristagni in corrispondenza dell’arenile, in cui la vegetazione sorge spontanea
».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento