Villa Durrueli fu riadattata a piccolo villaggio industriale per produrre mattoni, tegole e ceramiche

Gli scavi archeologici, guidati dalle nuove tecnologie, hanno consentito di ricostruire la misteriosa storia del sito: abitato fin dal II secolo dopo Cristo e trasformato nel V secolo

Una veduta della villa Romana di Durrueli

Riprese aeree, scansioni 3D e ricostruzioni in realtà virtuale hanno permesso di riportare alla luce i 5.000 metri quadri di una delle più grandi ville costruite dagli antichi romani in Sicilia: la villa di Durrueli a Realmonte, vicino Agrigento. Gli scavi, guidati dalle nuove tecnologie, hanno consentito di ricostruire la misteriosa storia del sito: abitato fin dal II secolo d.C., venne trasformato nel V secolo in un piccolo villaggio ‘industrialè addetto alla produzione di mattoni, tegole e ceramiche.

LEGGI ANCHE: Nuovi scavi alla villa Romana di Realmonte, realizzata mappatura in 3D

A svelarlo sono gli archeologi dell’Università della Florida meridionale a Tampa (città gemellata con Agrigento), che continueranno a lavorare nel sito anche la prossima estate sempre in collaborazione con la soprintendenza ai beni culturali di Agrigento.

Parti della villa erano già state scoperte alla fine degli anni Settanta durante alcuni scavi coordinati da un gruppo di ricerca giapponese, ma soltanto oggi si è riusciti a riportare alla luce tutta la struttura: questo grazie alla scansione aerea e terrestre in 3D dell’area, che ha guidato gli scavi facilitando l’interpretazione delle diverse fasi architettoniche che si sono succedute nel tempo.

LEGGI ANCHE: Esperti americani e nuovi scavi archeologici a Villa Romana 

Dopo un mese di studi, gli archeologi statunitensi guidati dall’italiano Davide Tanasi hanno stabilito che la villa è stata ininterrottamente abitata dal II al VII secolo d.C.. La scoperta di nuovi muri, livelli pavimentali, canali d’acqua e rampe di scale, dimostra che la struttura venne trasformata in un villaggio nel V secolo. Il ritrovamento di pentolame, lampade, distanziatori da fornace e ceramiche africane di epoca tardo-romana, fanno pensare che nel villaggio si producessero mattoni, tegole e vasellame in quantità industriali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LEGGI ANCHE: Dagli Stati Uniti a Realmonte per valorizzare Villa Romana 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Bonus vacanze, servirà una "identità digitale" ... e in tanti devono ancora richiederla

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

  • Nuovo focolaio da Coronavirus? Firetto sbotta: "Agrigento è Covid free da almeno 2 mesi"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento