"Mi ha minacciata e violentata": donna denuncia bracciante agricolo

La cinquantacinquenne sarebbe stata invitata a casa, forse per bere una cosa assieme, e poi sarebbe stata costretta ad avere più rapporti sessuali

Prima la invita a casa, forse per bere una cosa assieme, e poi sotto minaccia la costringe ad avere – fra il 5 e il 6 luglio scorsi – più rapporti sessuali. Una cinquantacinquenne si è presentata alla stazione dei carabinieri di Ravanusa ed ha formalizzato querela di parte contro un cinquantaseienne del posto, bracciante agricolo.

L’uomo è stato accusato delle ipotesi di reato di minaccia e violenza sessuale. I militari dell’Arma della stazione di Ravanusa, coordinati dal comando compagnia di Licata, hanno raccolto la denuncia, informato il sostituto procuratore di turno e avviato le indagini. Non saranno verifiche semplici, naturalmente. E soprattutto saranno molto delicate e intime. Tuttavia sarà indispensabile portare avanti l’attività investigativa per fare chiarezza e per riscontrare le dichiarazioni fatte dalla donna. Fitto, anzi categorico, è, inevitabilmente, il riserbo investigativo dei militari dell’Arma del comando provinciale di Agrigento. Carabinieri che non lasciano, opportunamente, trapelare neanche la minima indiscrezione.

Potrebbe interessarti

  • L'arnica, un rimedio naturale a dolori e infiammazioni

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • Scooterone finisce dentro un canale di scolo: muore trentenne a causa di un incidente

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento