L'arresto dell'impiegato "infedele" di Ravanusa, la Procura: "Metodo utilizzato anche in altri Comuni"

Il 54enne è stato incastrato - tant'è che è stato arrestato in flagranza di reato - da una ambientale e da telecamere fatte collocare dai pm

Il procuratore capo Luigi Patronaggio

Metodo utilizzato anche in altri Municipi? Magari da altri impiegati "infedeli" che arrotondano lo stipendio architettando sistemi per ottenere pagamenti in contanti?

"Non si esclude che anche in altri Comuni vi siano impiegati infedeli che fanno la stessa cosa". Emerge questo dagli ambienti della Procura della Repubblica di Agrigento. Impiegati che determinano un danno per l'ente, ma anche per lo Stato al quale i soldi devono affluire. 

"Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

La Procura della Repubblica di Agrigento - con il procuratore capo Luigi Patronaggio e il pm Paola Vetro - non si sono accontentati, nel caso di Ravanusa, delle scarne denunce e dei sospetti. Gli inquirenti hanno disposto la collocazione di una ambientale e di telecamere. Intercettazioni che hanno, di fatto, "incastrato" l'impiegato comunale 54enne che è stato appunto arrestato in flagranza di reato. 

L'arresto dell'impiegato comunale, le telecamere hanno documentato i passaggi di denaro: ecco le immagini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento