La Corte di appello conferma il verdetto, lavoratrice ex Ipab assunta dal Comune

L'istituto era stato estinto e il personale, per effetto di un decreto della Regione al quale l'ente non aveva dato seguito, doveva essere trasferito nell'altro ruolo

La Corte d'appello di Palermo, in funzione di giudice del lavoro, ha confermato la sentenza di primo grado del Tribunale di Agrigento che ha imposto al Comune di Ravanusa l'assunzione nel ruolo dei propri dipendenti di una lavoratrice già alle dipendenze dell'IPAB San Vincenzo.

L'Ipab venne estinto e con decreto del presidente della Regione siciliana i dipendenti furono transitati al Comune di Ravanusa, che tuttavia non diede corso al decreto, costringendo la lavoratrice, assistita dall'avvocato Lillo Massimiliano Musso, a rivolgersi al giudice del Lavoro, che le diede ragione. Dopo la sentenza di primo grado il Comune aveva proposto appello affidandosi all'avvocato Massimiliano Marinelli. Adesso la Corte ha pronunciato sentenza con lettura del dispositivo confermando le ragioni della lavoratrice.

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 115: camion precipita dal ponte, trasferito a Palermo il conducente

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Scopre il tradimento del marito e per strada scoppia il parapiglia

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

  • "Vertici e affiliati di Cosa Nostra", 9 ordinanze di custodia cautelare: ai domiciliari l'ex consigliere comunale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento