"Rapinò un noto esercizio commerciale", 37enne rintracciato a Novara

Si tratta di Luigi Condello indagato per rapina aggravata e porto di armi od oggetti atti ad offendere

FOTO ARCHIVIO

I poliziotti del commissariato di Canicatti lo avevano cercato senza sosta, setacciando intere zone. L'uomo, un 37enne, è stato ritrovato a Novara. Si tratta di Luigi Condello indagato per rapina aggravata e porto di armi od oggetti atti ad offendere. 

Al termine di intensa attività d'indagine svolta dall'ufficio controllo del territorio del commissariato di polizia di Canicattì si è svelato l'autore della rapina avvenuta nel marzo di quest'anno ai danni di un noto esercizio commerciale di Canicattì.  Le pattuglie erano intervenute a seguito della segnalazione di rapina ed avevano appreso che un uomo, con volto travisato ed armato di taglierino, si era fatto consegnare dalla cassiera del negozio l'incasso in quel momento presente.

Le indagini hanno preso subito piede, gli agenti hanno preso visione delle immagini di videosorveglianza, ed hanno anche interrogato i testimoni dei fatti. Proprio dopo aver sentito diverse persone, i poliziotti, hanno individuato il presunto autore della rapina ritrovando e sequestrando il taglierino utilizzato dal rapinatore. Taglierino, dunque, che era stato abbandonato subito dopo il reato. 

Condello è stato rintracciato a Novara. Il 37enne dovrà rimanere nell'abitazione di un familiare e scontare gli arresti domiciliari e rimanere a  disposizione dell'autorità giudiziaria. Il poliziotti di Canicattì hanno lavorato in piena sinergia con la Questura di Novara.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento