Rapine e tentati colpi in banca, il Pm chiede cinque condanne

L'inchiesta venne chiamata "The Wall" perché la caratteristica dei colpi era quella di praticare un foro nel muro degli istituti di credito e poi di penetrare all’interno dei locali

Rapine e tentate rapine in banca, nel Belice. Il Pm Michele Marrone ha chiesto - nell'ambito del processo scaturito dall'inchiesta "The Wall" - le condanne. Questo è il troncone con il minor numero di imputati, cinque: quelli che hanno scelto il giudizio ordinario. I quattro accusati di avere avuto un ruolo - riporta oggi il Giornale di Sicilia - in alcuni dei fatti principali sono Rocco D’Aloisio, di 47 anni, di Santa Margherita Belice, presunto basista, per il quale il pm ha chiesto 4 anni e 5 mesi e 1.100 euro di multa; Vito Leale, di 53 anni, di Palermo, con richiesta di condanna a 9 anni e 2.000 euro; Pietro Madonia, di 44 anni, e Michele Cirrincione, di 48, entrambi di Palermo. Per loro il pubblico ministero ha chiesto 3 anni e 600 euro.

Chiesta la condanna anche di un quinto imputato, accusato di ricettazione. Per Francesco Napoli, di 32 anni, di Montevago, il pubblico ministero ha chiesto la condanna a 2 anni per la ricettazione di un’auto, una Fiat Panda, che era stata rubata a Palermo e che poi non venne impiegata per compiere rapine. Tra le rapine contestate a Leale una ha fruttato oltre 100 mila euro. A D’Aloisio vengono contestati una tentata rapina a Menfi, una tentata rapina a Sambuca e la ricettazione di un’auto oltre a una violazione di domicilio.

L'inchiesta venne chiamata "The Wall" perché la caratteristica dei colpi era quella di praticare un foro nel muro degli istituti di credito e poi di penetrare all’interno dei locali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mercoledì 18 aprile toccherà alle difese e poi i giudici del tribunale di Sciacca si ritireranno in camera di consiglio per la sentenza. Le rapine in banca oggetto delle indagini, sfociate nei due processi, hanno fruttato, complessivamente, oltre 200 mila euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Bonus vacanze, servirà una "identità digitale" ... e in tanti devono ancora richiederla

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

  • Nuovo focolaio da Coronavirus? Firetto sbotta: "Agrigento è Covid free da almeno 2 mesi"

  • Neonato muore all'Utin del "San Giovanni di Dio", esposto dei genitori: aperta inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento