"Ha confessato di avere fatto da basista alla rapina con maxi bottino", 43enne ai domiciliari

Il gip, pur sottolineando "alcune reticenze" nella sua versione dei fatti, sostituisce la misura cautelare nei confronti del quarantaduenne Raffaele Salvatore Fragapane

Raffaele Salvatore Fragapane

"L'indagato ha reso dichiarazioni al pubblico ministero e per la prima volta ha ammesso, seppure con qualche reticenza, la compartecipazione alla rapina". Per questo le esigenze cautelari si possono ritenere attenuate.

Con queste motivazioni il gip del tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, al quale si è rivolto il difensore, l'avvocato Giuseppe Barba, ha scarcerato il quarantaduenne Raffaele Salvatore Fragapane e ha disposto nei suoi confronti, gli arresti domiciliari con l'applicazione del braccialetto elettronico. 

Fragapane, libero nonostante una condanna a 10 anni e 8 mesi rimediata nell'ambito dell'operazione antimafia "Montagna", avrebbe fatto da basista al colpo, dello scorso 10 febbraio, alla banca Sant'Angelo di Raffadali, che ha fruttato dai 50 ai 60 mila euro.

Per lui e per il palermitano Umberto D'Arpa, 53 anni, dopo l'interrogatorio di convalida, era stata disposta la custodia cautelare in carcere, confermata in seguito dal tribunale del riesame.

Per Martino Merino, 26 anni, anche lui palermitano, unico incensurato del gruppo, sono stati disposti da subito gli arresti domiciliari con l'applicazione del braccialetto elettronico. I due palermitani, reo confessi di essere stati gli autori materiali della rapina, ai danni dei dipendenti della filiale oltre che di un cliente che aveva 1.000 euro in tasca e che è stato costretto a consegnarli, hanno raccontato di essere venuti in treno ad Agrigento per vendere un orologio ma di non averlo fatto perché l'acquirente non si era presentato all'appuntamento.

A quel punto, anziché rientrare a Palermo, secondo il loro racconto, bocciato come "inverosimile" dal gip, avrebbero chiamato Fragapane, che avevano conosciuto in passato per avere partecipato insieme ad alcune fiere, che li avrebbe prelevati in auto e avrebbero iniziato a girovagare per Raffadali fino alla decisione estemporanea di rapinare la banca. Fragapane, in sostanza, secondo la loro versione, totalmente bocciata, solo dopo li avrebbe aiutati ad allontanarsi portandoli nel suo benzinaio di Sant'Angelo dove sono stati sorpresi e arrestati.

Il quarantenne, cugino del boss Francesco Fragapane, aveva di fatto confermato la stessa versione ma, in un secondo momento, ha chiesto di essere interrogato dal pm Chiara Bisso alla quale, "salvo qualche reticenza", secondo quanto evidenzia il gip, ha ammesso i fatti ottenendo anche il suo parere favorevole alla scarcerazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Caso di Covid-19 anche a Porto Empedocle: contagiato il marito del sindaco

  • Arriva la conferma: il tampone Covid-19 è positivo, contagiato secondo agente della Penitenziaria

  • Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento