Coronavirus, imprenditore e "nonnina" realizzano le mascherine per Racalmuto

L'appello: "Siamo alla ricerca di altri tessuti: lenzuola e federe. Chi vorrà collaborare non deve far altro che chiamare”

La nonnina di Racalmuto intenta a realizzare mascherine

Normalmente gestisce un bar. Attività che, al momento, è chiusa per colpa del Coronavirus. Salvatore Sardo ha deciso allora di tendere una mano d'aiuto alla sua comunità: a Racalmuto. Ed ha coordinato, coinvolgendo anche la nonnina novantenne, la realizzazione di mascherine la cui distribuzione è già iniziata. I primi ad essere riforniti sono stati tutti quei commercianti che ancora ne erano sprovvisti.

"Poi le daremo alle farmacie e parafarmacie del paese, dove ognuno potrà fornirsi. Nessuno deve pagare nulla. Raccomandiamo a tutti che nel momento in cui si utilizza la mascherina deve essere sterilizzata con acqua calda. Naturalmente se restiamo a casa è meglio” - ha scritto, sui social, Salvatore Sardo - .

“Siamo alla ricerca di altri tessuti – aggiunge – lenzuola, federe. E ovviamente chi vorrà collaborare non deve far altro che chiamare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per realizzarne altre tremila occorrono ancora altri giorni, ma la catena di montaggio e della solidarietà non si ferma, mentre continuano ad arrivare piccole donazioni utili per acquistare ancora materiale. Racalmuto sa essere solidale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Lunghe attese al pronto soccorso? Scoppia il tafferuglio, 4 feriti: pure 2 infermieri

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento