Allarme crolli a Santa Maria di Gesù, transenne e divieto di transito

Il sindaco Vincenzo Maniglia ha dato mandato al responsabile dell’Utc di avvisare il Fondo edifici di culto, del ministero dell’Interno, che è l’ente proprietario dell’edificio e la Sovrintendenza ai beni culturali che ha il compito dell’alta sorveglianza del bene che è vincolato

Il portone di ingresso della chiesa Santa Maria di Gesù

Cadono calcinacci dal prospetto principale della chiesa Santa Maria di Gesù: la più antica del paese. Per evitare che qualcuno possa farsi male, trattandosi dell’area d’ingresso del cimitero che è sempre molto trafficata, il sindaco di Racalmuto Vincenzo Maniglia ha ordinato la delimitazione e la chiusura, mediante pannelli di recinzione metallica, ed ha imposto il divieto di transito di persone e mezzi nel tratto antistante la facciata principale della struttura risalente al XII secolo. Si tratta di una delle prime chiese che, nell’Agrigentino, i normanni edificarono dopo la cacciata degli arabi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contemporaneamente, Maniglia ha dato mandato al responsabile dell’ufficio tecnico comunale di avvisare il Fondo edifici di culto, del ministero dell’Interno, che è l’ente proprietario dell’edificio e la Sovrintendenza ai beni culturali di Agrigento che ha il compito dell’alta sorveglianza del bene che è vincolato. La decisione è stata presa per la salvaguardia dell’incolumità pubblica e privata. Le notifiche agli enti preposti invece sono state fatte per provare a trovare una soluzione e superare lo stato di degrado. Era il febbraio del 2008 quando Santa Maria di Gesù, dopo più di 20 anni di chiusura: prima transennata e poi ricoperta da impalcature, riapriva, anche se provvisoriamente. All’epoca, si era battuto per restituire la chiesa l’allora assessore alla Cultura Pietro Carbone. All’inizio di gennaio del 2018, durante la sua visita per la commemorazione di Leonardo Sciascia, l’allora assessore regionale ai Beni culturali Vittorio Sgarbi restò incantato dalla chiesa di Santa Maria di Gesù. Adesso, tornano di nuovo le transenne. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato con la febbre a 40 e sospetti sintomi di Covid-19, attesa per il tampone

  • Anziano muore in casa propria, aveva febbre alta e tosse: sospetto Covid-19? Avviate le verifiche

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

  • Coronavirus, sabato di "follia" a Porto Empedocle: "ressa" davanti al supermercato

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento