Spariti i soldi delle tasse, Procura della Corte dei Conti: anche in 6 Comuni Agrigentini

Si tratta degli enti che avevano affidato il servizio di riscossione dei tributi a società, a volte neppure iscritte all’albo di settore, che pur avendo incassato i fondi non li hanno versati

Ci sono anche sei Comuni Agrigentini - fra i 56 siciliani - sui quali la Procura della Corte dei Conti ha puntato l'attenzione. Fanno parte di quell'interminabile elenco di Municipi dove i soldi, tasse pagate dai cittadini, sono spariti. Si tratta dei Comuni che - secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia - avevano affidato il servizio di riscossione dei tributi a società, a volte neppure iscritte all’albo di settore, che poi pur avendo incassato le tasse non hanno, appunto, versato i soldi agli enti. 

L'inchiesta della Procura della Corte dei Conti ha fatto emergere un sistema che sarebbe alla base della crisi finanziaria di molti Comuni. Ecco le cifre dei Comuni Agrigentini che mancherebbero all'appello: Naro: 1.484.365 euro; Aragona: 231.194 euro; Campobello di Licata: 106.291 euro; Ravanusa: 169.681 euro; Palma di Montechiaro: 50 mila euro e Favara: 640.012 euro. 

Il capo della Procura della Corte dei Conti, Gianluca Albo, ha precisato che "ci sono stati - secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia - affidamenti diretti e non ponderati che hanno esposto, ed espongono, i Comuni a gravi pregiudizi erariali".

Complessivamente, a livello siciliano, sarebbero spariti - stando sempre alla Procura della Corte dei Conti - 20 milioni 560 mila euro.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Tragedia a San Leone: muore un turista svizzero di 35 anni

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento