Sciacca, Caretta caretta: prime 50 nate nel nido di San Marco

Un nido di tartarughe Caretta Caretta la scorsa notte ha schiuso le uova ed oltre cinquanta tartarughine, protette dal recinto che i volontari del Wwf avevano collocato, hanno raggiunto il mare e la libertà

Un nido di tartarughe Caretta Caretta la scorsa notte ha schiuso le uova ed oltre cinquanta tartarughine, protette dal recinto che i volontari del Wwf avevano collocato, hanno raggiunto il mare e la libertà.

Ad accorgersi della schiusa è stata una volontaria, che ha subito allertato l’intero nucleo dandosi immediato convegno sul luogo.

Il nido è quello scoperto per primo, lo scorso 4 luglio, a Sciacca in zona San Marco, e la schiusa è avvenuta ad appena 51 giorni dalla deposizione.

Le uova deposte dovrebbero essere un centinaio, e adesso si attende la schiusa con la nascita di un’altra cinquantina di piccoli.

Nei paraggi, inoltre, all’AloHa c’è un altro nido scoperto una decina di giorni dopo, il 14 luglio, da sorvegliare perché prossima sarà la schiusa delle uova.

«Le campagne di sensibilizzazione portate avanti dal gruppo locale cominciano a produrre i frutti sperati - ha detto il presidente dell'"Organizzazione aggregata Sicilia Area Mediterranea", Giuseppe Mazzotta - e tanti volontari si stanno avvicinando per darci una mano, ma non bastano mai».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • A Milano con la paura addosso, Daniele: "Coronavirus? Ho un consiglio per i miei concittadini"

  • Su e giù dai carri e continue risse, il questore "ferma" il Carnevale di Palma

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento