"Scese dal treno con due panetti di hashish e trovò la Finanza", condannato 19enne

Il giovane, al rientro da Palermo, fu bloccato dagli uomini delle Fiamme Gialle con il cane antidroga

Scende dal treno e tenta di fuggire vedendo che, sulla banchina, ci sono i finanzieri con il cane antidroga: i militari lo inseguono e gli trovano addosso due etti di hashish divisi in altrettanti panetti. Poco più di un anno dopo l’arresto, per Labe Diallo, 19 anni, originario della Guinea ma da tempo ospite di una struttura di accoglienza cittadina e residente ad Agrigento, è stata decisa la condanna. Il giudice dell’udienza preliminare Luisa Turco, al termine del processo con rito abbreviato, gli ha inflitto un anno e quattro mesi.

Diallo, difeso dall’avvocato Leonardo Marino, è stato arrestato due volte per spaccio. Gli inquirenti ritengono facesse parte della “banda del centro storico” che smerciava droga nei vicoletti della città. L’arresto per questa vicenda era stato eseguito il 17 luglio dell’anno scorso. I finanzieri lo avevano inseguito e bloccato. Poi la perquisizione aveva consentito di scoprire i due panetti di droga. Il pubblico ministero Cecilia Baravelli aveva chiesto la condanna a un anno e sei mesi di reclusione. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • Incidente sulla statale 123, uomo perde controllo dell'auto: estratto dalle lamiere

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento