"Sorpreso a spacciare mentre è ai domiciliari", condannato 33enne

Un anno di reclusione a Gianluca Infantino, arrestato la scorsa estate: polemica per la trattazione dell'udienza nonostante il regime speciale

Gianluca Infantino

Un anno di reclusione al trentatreenne Gianluca Infantino, arrestato il 10 luglio per l'ennesima volta dopo essere stato sorpreso con cinque grammi di hashish, divisi in dosi, nonostante fosse agli arresti domiciliari.

La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico Alfonso Pinto questa mattina. L'udienza si è celebrata, nonostante l'emergenza legata al Coronavirus e la decisione del governo di fare slittare la quasi totalità dell'attività giudiziaria. Una decisione che ha suscitato la polemica del difensore di Infantino, l'avvocato Gero Lo Giudice, che aveva presentato un'istanza di rinvio per legittimo impedimento legata "alla mancanza di condizioni ambientali dovute alla pandemia". 

Alla richiesta non è arrivato un riscontro e, peraltro, per un intoppo non è stato neppure allertato il vice procuratore onorario di turno. Per questo è stata chiamata la pm di turno in Procura, Elenia Manno, che aveva concluso la requisitoria chiedendo la condanna a sei mesi di reclusione. 

“Abbiamo ricevuto una telefonata anomima che ci avvisava del fatto che Gianluca Infantino, nonostante fosse agli arresti domiciliari, spacciava e nella sua abitazione c’era della droga. Siamo andati a fare una perquisizione e, effetti, la segnalazione era fondata”. I due poliziotti che hanno preso parte all’operazione avevano raccontato così, in aula, i dettagli che hanno portato all’arresto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infantino, detenuto nella sua abitazione del centro storico per l’accusa di tentato furto e violazione della sorveglianza speciale, era stato sorpreso dai poliziotti, con cinque dosi di hashish, di circa un grammo ciascuno, pronte per essere spacciate – sostiene l’accusa – nonostante, peraltro, fosse ai domiciliari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento